Tarlatamab, un attivatore di cellule T bispecifico mirato a DLL3 di prima classe, nel carcinoma polmonare a piccole cellule ricorrente


Il tumore polmonare a piccole cellule ( SCLC ) è un tumore maligno aggressivo con trattamenti limitati.
Il ligando Delta-like 3 ( DLL3 ) è espresso in modo aberrante nella maggior parte dei tumori polmonari a piccole cellule.

Tarlatamab, una molecola bispecifica di coinvolgimento delle cellule T, lega sia DLL3 che CD3 portando alla lisi tumorale mediata dalle cellule T.

Sono stati riportati i risultati di fase I di Tarlatamab nei pazienti con carcinoma polmonare a piccole cellule.

Uno studio ha valutato Tarlatamab in pazienti con tumore al polmone a piccole cellule recidivato / refrattario.

L'endpoint primario era la sicurezza. Gli endpoint secondari includevano l'attività antitumorale secondo i criteri RECIST versione 1.1 modificati, la sopravvivenza globale e la farmacocinetica.

Entro luglio 2022, 107 pazienti hanno ricevuto Tarlatamab nelle coorti di esplorazione della dose ( da 0.003 a 100 mg; n=73 ) ed espansione ( 100 mg; n=34 ).
Le precedenti linee mediane di terapia antitumorale erano 2; il 49.5% ha ricevuto una terapia anti-PD-1 / anti-PD-L1.

Eventi avversi correlati al trattamento di qualsiasi grado si sono verificati in 97 pazienti ( 90.7% ) e di grado superiore o uguale a 3 in 33 pazienti ( 30.8% ).
Un paziente ( 1% ) aveva una polmonite di grado 5.

La sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) è stato l'evento avverso correlato al trattamento più comune, che si è verificato in 56 pazienti ( 52% ) compreso il grado 3 in un paziente ( 1% ).
La dose massima tollerata non è stata raggiunta.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 23.4%, comprese due risposte complete [ CR ] e 23 parziali [ PR ].
La durata della risposta ( DoR ) mediana è stata di 12.3 mesi.
Il tasso di controllo della malattia ( DCR ) è stato del 51.4%.

La sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) sono state, rispettivamente, di 3.7 mesi e 13.2 mesi.

L'analisi esplorativa ha indicato che la selezione per una maggiore espressione di DLL3 può comportare un maggiore beneficio clinico.

Nei pazienti con tumore polmonare a piccole cellule pesantemente pretrattato, Tarlatamab ha dimostrato una sicurezza gestibile con una durata della risposta incoraggiante.
Sono in corso ulteriori valutazioni di questa promettente molecola. ( Xagena2023 )

Paz-Ares L et al, J Clin Oncol 2023; 41: 2893-2903

Pneumo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro

Altri articoli

L'anoressia si verifica nel 30-80% dei pazienti con tumori maligni avanzati, e può peggiorare con la chemioterapia. È stata valutata...


Il beneficio di Camrelizumab neoadiuvante più chemioterapia per il tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile in stadio...


La sovraespressione delle mutazioni della proteina c-Met e del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) può coesistere...



Tra i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile allo stadio iniziale, un approccio perioperatorio che include...



Lazertinib è un potente inibitore della tirosina chinasi di EGFR, di terza generazione, che penetra nel sistema nervoso centrale. Lo...


L'aggiunta di Benmelstobart ad Anlotinib ed Etoposide più Carboplatino ( EC ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione...


Tra i pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile in stadio iniziale, un approccio perioperatorio che...