Associazione di corticosteroidi inalatori e beta-agonisti a lunga durata d’azione come terapia di controllo e sollievo rapido con esacerbazioni e controllo dei sintomi in caso di asma persistente


L’uso combinato di corticosteroidi inalatori e beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) come terapia di controllo e sollievo rapido denominata terapia singola di mantenimento e sollievo ( SMART ) è un potenziale regime terapeutico per il trattamento dell'asma persistente.

È stata effettuata una revisione sistematica e meta-analisi degli effetti dell'approccio SMART nei pazienti con asma persistente.

Sono stati scelti studi clinici randomizzati sperimentali o osservazionali che hanno valutato SMART versus corticosteroidi inalatori con o senza LABA usati come terapia di controllo e beta-agonisti a breve durata d'azione come terapia di sollievo per pazienti di età pari o superiore a 5 anni con asma persistente e segnalazione di un esito di interesse.

L’esito principale era la riacutizzazione dell’asma.

Le analisi hanno incluso 16 studi clinici randomizzati ( n=22.748 pazienti ), 15 dei quali hanno valutato SMART come terapia di associazione con Budesonide e Formoterolo in un inalatore di polvere secca.

Tra i pazienti di età pari o superiore a 12 anni ( n=22.524, età media, 42 anni, 14.634, 65%, erano donne ), l'approccio SMART è stato associato a un ridotto rischio di esacerbazioni asmatiche rispetto alla stessa dose di corticosteroidi inalatori e LABA come terapia di controllo ( risk ratio RR, 0.68, risk difference RD, -6.4% ) e una dose maggiore di corticosteroidi inalatori e LABA come terapia di controllo ( RR, 0.77, RD, -2.8% ).

Risultati simili sono stati osservati quando SMART è stata confrontata con i corticosteroidi inalatori da soli come terapia di controllo.
Tra i pazienti di età compresa tra 4 e 11 anni ( n=341, età media, 8 anni, 69, 31%, erano donne ), SMART è stata associata a un ridotto rischio di esacerbazioni asmatiche rispetto a una dose maggiore di corticosteroidi inalatori come terapia di controllo ( RR, 0.55, RD, -12.0% ) o la stessa dose di corticosteroidi inalatori e LABA come terapia di controllo ( RR, 0.38, RD, -23.2% ).

In conclusione, in questa meta-analisi di pazienti con asma persistente, l'uso di un'unica terapia di mantenimento e sollievo rispetto ai corticosteroidi inalatori come terapia di controllo ( con o senza un beta-agonista a lunga durata d'azione ) e beta-agonisti a breve durata d'azione come terapia di sollievo è stato associato a un minore rischio di esacerbazioni asmatiche.
Le evidenze per i pazienti di età compresa tra 4 e 11 anni sono risultate limitate. ( Xagena2018 )

Sobieraj DM et al, JAMA 2018; 319: 1485-1496

Pneumo2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Le diminuzioni della futura funzionalità polmonare sono un segno distintivo della nascita pretermine, ma gli studi per la gestione della...


Le prime descrizioni dei pazienti ricoverati in ospedale durante la pandemia da COVID-19 hanno mostrato una minore prevalenza di asma...


I beta-2 agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) e gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA...


Gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA ) rappresentano una potenziale terapia aggiuntiva ai corticosteroidi inalatori nella gestione...


La broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) è un importante problema di salute globale e la Teofillina è ampiamente utilizzata....


Il Comitato di Valutazione dei Rischi per la Farmacovigilanza dell’EMA ( PRAC ) ha rivalutato il rischio noto di polmonite (...


L’identificazione di un biomarcatore che predice la risposta ai corticosteroidi per via inalatoria potrebbe aiutare a valutare il profilo di...


Benralizumab ha dimostrato efficacia e sicurezza nei pazienti con asma grave non-controllata da corticosteroidi ad alto dosaggio per via inalatoria...


Dupilumab, un anticorpo monoclonale anti-recettore alfa della interleuchina-4 ( IL-4R alfa ), completamente umano, inibisce la segnalazione di interleuchina-4 e...