Corticosteroidi per via inalatoria nella BPCO e rischio di grave polmonite


I corticosteroidi per via inalatoria sono noti per aumentare il rischio di polmonite nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ).
Non è chiaro se il rischio di polmonite vari per i diversi agenti per via inalatoria, in particolare Fluticasone e Budesonide, e aumenti con la dose e la durata di utilizzo a lungo termine.

È stata costituita una coorte di nuovi utilizzatori di pazienti affetti da BPCO, trattati durante il periodo 1990-2005.
I soggetti sono stati identificati utilizzando i database delle assicurazioni sanitarie del Quebec e sono stati seguiti fino al 2007 o fino a un evento di polmonite grave, definito come una prima ospedalizzazione per polmonite o la morte.

È stato stimato il rate ratio ( RR ) di polmonite in forma grave, associata all'uso corrente di corticosteroidi per via inalatoria, aggiustato per età, sesso, gravità della malattia respiratoria e comorbidità.

La coorte ha compreso 163.514 pazienti, di cui 20.344 sono andati incontro a un evento di polmonite grave durante i 5.4 anni di follow-up ( tasso di incidenza 2.4/100/anno ).

L'uso corrente di corticosteroidi per via inalatoria è stato associato a un aumento del 69% del tasso di polmonite grave ( RR=1.69 ).

Il rischio è risultato sostenuto con l'uso a lungo termine, ed è diminuito gradualmente dopo l'interruzione dell'uso dei corticosteroidi per via inalatoria, scomparendo dopo 6 mesi ( RR=1.08 ).

Il tasso di polmonite grave era maggiore con Fluticasone ( RR=2.01 ), aumentando con la dose giornaliera, ma era molto più basso con Budesonide ( RR=1.17 ).

In conclusione, l’uso di corticosteroidi per via inalatoria da parte dei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva aumenta il rischio di polmonite grave.
Il rischio è particolarmente elevato e correlato alla dose di Fluticasone.
Dato che un confondimento residuo non può essere escluso, i risultati sono coerenti con quelli di recenti studi randomizzati. ( Xagena2013 )

Suissa S et al, Thorax 2013; 68: 1029-1036

Pneumo2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

Le diminuzioni della futura funzionalità polmonare sono un segno distintivo della nascita pretermine, ma gli studi per la gestione della...


Le prime descrizioni dei pazienti ricoverati in ospedale durante la pandemia da COVID-19 hanno mostrato una minore prevalenza di asma...


I beta-2 agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) e gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA...


L’uso combinato di corticosteroidi inalatori e beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) come terapia di controllo e sollievo...


Gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA ) rappresentano una potenziale terapia aggiuntiva ai corticosteroidi inalatori nella gestione...


La broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) è un importante problema di salute globale e la Teofillina è ampiamente utilizzata....


Il Comitato di Valutazione dei Rischi per la Farmacovigilanza dell’EMA ( PRAC ) ha rivalutato il rischio noto di polmonite (...


L’identificazione di un biomarcatore che predice la risposta ai corticosteroidi per via inalatoria potrebbe aiutare a valutare il profilo di...


Benralizumab ha dimostrato efficacia e sicurezza nei pazienti con asma grave non-controllata da corticosteroidi ad alto dosaggio per via inalatoria...


Dupilumab, un anticorpo monoclonale anti-recettore alfa della interleuchina-4 ( IL-4R alfa ), completamente umano, inibisce la segnalazione di interleuchina-4 e...