Effetto della Teofillina aggiunta ai corticosteroidi inalatori sulle esacerbazioni nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva


La broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) è un importante problema di salute globale e la Teofillina è ampiamente utilizzata.
Indagini precliniche hanno dimostrato che basse concentrazioni plasmatiche ( 1-5 mg/l ) di Teofillina potenziano gli effetti antiinfiammatori dei corticosteroidi nella BPCO.

È stata studiata l’efficacia dell'aggiunta di Teofillina a basse dosi ai corticosteroidi inalatori nella BPCO.
Lo studio TWICS ( Theophylline With Inhaled CorticoSteroids ) era uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, che ha arruolato pazienti con BPCO tra il 2014 e il 2016, e con follow-up fino al 2017.

I partecipanti avevano un rapporto tra volume espiratorio forzato nel primo secondo e capacità vitale forzata ( FEV1 / FVC ) inferiore a 0.7 con almeno 2 esacerbazioni trattate con antibiotici, corticosteroidi orali o entrambi nell'anno precedente, e stavano usando un corticosteroide inalatorio.
Lo studio ha incluso 1.578 partecipanti in 121 Centri di assistenza primaria e secondaria nel Regno Unito.

I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere Teofillina a basso dosaggio ( 200 mg una o due volte al giorno ) per fornire concentrazioni plasmatiche da 1 a 5 mg/l ( determinate dal peso corporeo ideale e dallo stato di fumatore ) ( n=791 ) oppure placebo ( n=787 ).

L’esito principale era il numero di esacerbazioni moderate o gravi riferite dai partecipanti trattati con antibiotici, corticosteroidi orali o entrambi per il periodo di trattamento di 1 anno.

Tra i 1.567 partecipanti analizzati, l'età media era di 68.4 anni e il 54% ( 843 ) erano uomini.
I dati per la valutazione dell'esito primario erano disponibili per 1.536 partecipanti ( 98% ) ( 772 nel gruppo Teofillina, 764 nel gruppo placebo ).

In totale, ci sono state 3.430 esacerbazioni: 1.727 nel gruppo Teofillina ( media, 2.24 esacerbazioni all'anno ) versus 1.703 nel gruppo placebo ( media, 2.23 esacerbazioni all’anno ); differenza media non-corretta, 0.01 e rapporto del tasso di incidenza aggiustato, 0.99.

Gli eventi avversi gravi nei gruppi Teofillina e placebo hanno incluso eventi cardiaci, 2.4% vs 3.4%; gastrointestinali, 2.7% vs 1.3%; e reazioni avverse come nausea ( 10.9% vs 7.9% ) e mal di testa ( 9.0% vs 7.9% ).

In conclusione, tra gli adulti con broncopneumopatia cronica ostruttiva ad alto rischio di esacerbazione trattati con corticosteroidi inalatori, l'aggiunta di Teofillina a basse dosi, rispetto al placebo, non ha ridotto il numero di riacutizzazioni di BPCO nell'arco di un anno.
I risultati non supportano l'uso di Teofillina a basso dosaggio come terapia aggiuntiva ai corticosteroidi per via inalatoria per la prevenzione delle riacutizzazioni di BPCO. ( Xagena2018 )

Devereux G et al, JAMA 2018; 320: 1548-1559

Pneumo2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Le diminuzioni della futura funzionalità polmonare sono un segno distintivo della nascita pretermine, ma gli studi per la gestione della...


Le prime descrizioni dei pazienti ricoverati in ospedale durante la pandemia da COVID-19 hanno mostrato una minore prevalenza di asma...


I beta-2 agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) e gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA...


L’uso combinato di corticosteroidi inalatori e beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) come terapia di controllo e sollievo...


Gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA ) rappresentano una potenziale terapia aggiuntiva ai corticosteroidi inalatori nella gestione...


Il Comitato di Valutazione dei Rischi per la Farmacovigilanza dell’EMA ( PRAC ) ha rivalutato il rischio noto di polmonite (...


L’identificazione di un biomarcatore che predice la risposta ai corticosteroidi per via inalatoria potrebbe aiutare a valutare il profilo di...


Benralizumab ha dimostrato efficacia e sicurezza nei pazienti con asma grave non-controllata da corticosteroidi ad alto dosaggio per via inalatoria...


Dupilumab, un anticorpo monoclonale anti-recettore alfa della interleuchina-4 ( IL-4R alfa ), completamente umano, inibisce la segnalazione di interleuchina-4 e...