Efficacia comparativa di LABA-ICS rispetto a LAMA come trattamento iniziale nella BPCO. Eosinofili nel sangue, un biomarker dell'efficacia dei corticosteroidi inalatori


I beta-2 agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) e gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA ) sono il trattamento di mantenimento iniziale raccomandato per la malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ), con quasi tutti i LABA dispensati in associazione fissa con corticosteroidi inalatori ( LABA-ICS ).
Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di LABA-ICS rispetto ai LAMA per l’inizio del trattamento come funzione della eosinofilia nel sangue, un potenziale biomarker dell'efficacia di corticosteroidi inalatori ( ICS ), in un contesto reale.

In uno studio di coorte basato sulla popolazione, è stata identificata una coorte di pazienti con BPCO che ha iniziato il trattamento con un LAMA o LABA-ICS durante il periodo 2002-2015, con età di 55 anni o più, dallo UK's Clinical Practice Research Datalink.
Sono stati esclusi i pazienti che hanno iniziato il trattamento con entrambi i broncodilatatori nella stessa data.

Tutti i pazienti hanno richiesto almeno 1 anno di anamnesi e una misurazione della concentrazione di eosinofili nel sangue prima dell'ingresso nella coorte, definita dalla data della prima prescrizione di broncodilatatore che definisce la coorte.

I pazienti che hanno iniziato con un LAMA sono stati abbinati in base ai punteggi di propensione ad alta dimensione con i pazienti che hanno iniziato con LABA-ICS.
Sono stati seguiti per 1 anno per l'insorgenza di una riacutizzazione di BPCO moderata o grave e per polmonite grave.
Le analisi di sensibilità hanno incluso, tra l’altro, la ripetizione dell'analisi tra i pazienti con due misure di concentrazione di eosinofili nel sangue e stratificazione per concomitante asma e precedenti esacerbazioni.

La coorte di base comprendeva 539.643 pazienti con una prescrizione per LABA o LAMA dal 2002 al 2015, di cui 18.500 sono stati avviati ad assumere LABA-ICS e 13.870 LAMA.

L'analisi del punteggio di propensione ha prodotto 12.366 iniziatori di LAMA ( principalmente Tiotropio ) abbinati a 12.366 iniziatori di LABA-ICS.

L’hazard ratio ( HR ) della riacutizzazione di BPCO associato all'inizio con LABA-ICS, rispetto all'inizio con LAMA, è stato pari a 0.95.

Nei pazienti con concentrazioni di eosinofili nel sangue inferiori al 2% della conta dei globuli bianchi, l'hazard ratio era 1.03, e per quelli con concentrazioni di eosinofili del 2-4%, HR era 1.00.
Per i pazienti con concentrazioni di eosinofili superiori al 4%, l'hazard ratio era 0.89.

L'incidenza di polmonite è aumentata con l'inizio dell’assunzione di LABA-ICS ( HR 1.37 ) ed è stata simile in tutte le concentrazioni di eosinofili.

Le analisi di sensibilità erano coerenti con questi risultati, ma l'incidenza di esacerbazione con LABA-ICS tra i 2.766 pazienti ( 11% ) di tutti i 24.732 con due o più riacutizzazioni di BPCO durante l'anno di riferimento è stata marginalmente più bassa ( HR 0.87 ).

In questo studio osservazionale nel mondo reale, il trattamento iniziale della BPCO con LABA-ICS inalatori è stato più efficace rispetto ai LAMA solo nei pazienti con alte concentrazioni di eosinofili nel sangue ( superiore al 4% ) o conte ( superiore a 300 cellule per microl ) e possibilmente nei pazienti con frequenti esacerbazioni.

A causa dell'aumentato rischio di polmonite associato alla componente corticosteroidi inibitori, l'inizio con un LAMA deve essere preferito nei pazienti con concentrazioni di eosinofili nel sangue inferiori al 4%. ( Xagena2018 )

Suissa S et al, Lancet Respir Med 2018; 6: 855-862

Pneumo2018 Farma2018



Indietro

Altri articoli

Le diminuzioni della futura funzionalità polmonare sono un segno distintivo della nascita pretermine, ma gli studi per la gestione della...


Le prime descrizioni dei pazienti ricoverati in ospedale durante la pandemia da COVID-19 hanno mostrato una minore prevalenza di asma...


L’uso combinato di corticosteroidi inalatori e beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) come terapia di controllo e sollievo...


Gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA ) rappresentano una potenziale terapia aggiuntiva ai corticosteroidi inalatori nella gestione...


La broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) è un importante problema di salute globale e la Teofillina è ampiamente utilizzata....


Il Comitato di Valutazione dei Rischi per la Farmacovigilanza dell’EMA ( PRAC ) ha rivalutato il rischio noto di polmonite (...


L’identificazione di un biomarcatore che predice la risposta ai corticosteroidi per via inalatoria potrebbe aiutare a valutare il profilo di...


Benralizumab ha dimostrato efficacia e sicurezza nei pazienti con asma grave non-controllata da corticosteroidi ad alto dosaggio per via inalatoria...


Dupilumab, un anticorpo monoclonale anti-recettore alfa della interleuchina-4 ( IL-4R alfa ), completamente umano, inibisce la segnalazione di interleuchina-4 e...