Tiotropio o Salmeterolo come terapia aggiuntiva ai corticosteroidi per via inalatoria nell’asma moderata sintomatica


Nei pazienti con asma grave, il Tiotropio migliora la funzione polmonare e il rischio di esacerbazione quando è aggiunto ad alte dosi di corticosteroidi per via inalatoria più beta-2-agonisti a lunga durata d’azione.

Uno studio ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Tiotropio nei pazienti con asma moderata che erano sintomatici nonostante il trattamento con corticosteroidi a medio dosaggio per via inalatoria.

Sono stati effettuati due studi di 24 settimane, randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo, a gruppi paralleli, di confronto presso 233 Centri in 14 Paesi.
I pazienti eleggibili erano di età compresa tra 18 e 75 anni con asma sintomatica e un volume espiratorio forzato in 1 s ( FEV1 ) pre-broncodilatatore del 60-90% del predetto nonostante l'uso di corticosteroidi a medio dosaggio per via inalatoria, e non avevano mai fumato o erano ex-fumatori da 1 anno o più con 10 anni-pacchetto o meno.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Tiotropio ( Spiriva ) una volta al giorno 5 mcg oppure 2.5 mcg, Salmeterolo ( Serevent ) 50 mcg 2 volte al giorno, o placebo, pur mantenendo i corticosteroidi per via inalatoria.

Gli endpoint co-primari prespecificati, valutati alla settimana 24 nel set di analisi completo, erano risposta FEV1 a picco, misurata entro le prime 3 ore dopo la somministrazione serale; risposta FEV1 a valle; tasso di responder valutato secondo la scala ACQ-7 ( Asthma Control Questionnaire ) in 7 domande.

Tra il 2010 e il 2012, sono stati assegnati in modo casuale 2.103 pazienti al gruppo Tiotropio 5 mcg ( n=519 ), gruppo Tiotropio 2.5 mcg ( n=520 ), gruppo Salmeterolo ( n=541 ) oppure a placebo ( n=523 ); 1.972 ( 94% ) pazienti hanno completato lo studio.

Le risposte FEV1 a picco e a valle sono risultate significativamente maggiori con Tiotropio e Salmeterolo rispetto al placebo ed erano simili in entrambi gli studi.

Con i dati aggregati, la differenza rispetto al placebo in FEV1 picco era 185 ml nel gruppo Tiotropio 5 mcg, 223 ml nel gruppo Tiotropio 2.5 mcg, e 196 ml nel gruppo Salmeterolo ( tutti P minore di 0.0001 ); la differenza in FEV1 a valle era, rispettivamente, 146 ml, 180 ml , e 114 ml ( tutti P minore di 0.0001 ).

Ci sono stati più responder ala scala ACQ-7 nel gruppo Tiotropio 5 mcg ( odds ratio, OR=1.32, P=0.035 ) e nel gruppo 2.5 mcg ( OR=1.33, P=0.031 ) e nel gruppo Salmeterolo ( OR=1.46, P= 0.0039 ), rispetto al gruppo placebo.

48 pazienti ( 2% ) su 2.100 hanno manifestato eventi avversi gravi ( Tiotropio 5 mcg n=11, Tiotropio 2.5 mcg n=12, Salmeterolo n=11, placebo n=14 ).

Tiotropio una volta al giorno come terapia aggiuntiva ai corticosteroidi a medio dosaggio per via inalatoria riduce l’ostruzione delle vie aeree e migliora il controllo dell'asma in pazienti con asma moderata sintomatica.
I modelli di risposta con entrambe le dosi di Tiotropio sono stati simili a quelli di Salmeterolo, e tutti i composti attivi avevano buona sicurezza e tollerabilità.
Tiotropio è un broncodilatatore sicuro ed efficace e un'alternativa al Salmeterolo in questa popolazione di pazienti. ( Xagena2015 )

Kerstjens HAM et al, Lancet 2015;3:367-376

Pneumo2015 Farma2015


Indietro

Altri articoli

Le diminuzioni della futura funzionalità polmonare sono un segno distintivo della nascita pretermine, ma gli studi per la gestione della...


Le prime descrizioni dei pazienti ricoverati in ospedale durante la pandemia da COVID-19 hanno mostrato una minore prevalenza di asma...


I beta-2 agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) e gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA...


L’uso combinato di corticosteroidi inalatori e beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) come terapia di controllo e sollievo...


Gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA ) rappresentano una potenziale terapia aggiuntiva ai corticosteroidi inalatori nella gestione...


La broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) è un importante problema di salute globale e la Teofillina è ampiamente utilizzata....


Il Comitato di Valutazione dei Rischi per la Farmacovigilanza dell’EMA ( PRAC ) ha rivalutato il rischio noto di polmonite (...


L’identificazione di un biomarcatore che predice la risposta ai corticosteroidi per via inalatoria potrebbe aiutare a valutare il profilo di...


Benralizumab ha dimostrato efficacia e sicurezza nei pazienti con asma grave non-controllata da corticosteroidi ad alto dosaggio per via inalatoria...


Dupilumab, un anticorpo monoclonale anti-recettore alfa della interleuchina-4 ( IL-4R alfa ), completamente umano, inibisce la segnalazione di interleuchina-4 e...