Il trattamento prolungato con Carfilzomib, Lenalidomide e Desametasone è efficace nel mieloma multiplo di nuova diagnosi nei pazienti idonei al trapianto


Un regime di 8 cicli con Carfilzomib ( Kyprolis ), Lenalidomide ( Revlimid ) e Desametasone ( regime KRd ) come induzione e consolidamento seguito da 1 anno di mantenimento con Lenalidomide è risultato altamente efficace nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi ( NDMM ).

Lo studio in aperto di fase 2 è stato condotto in 10 Centri in Francia e ha arruolato pazienti nel periodo marzo-novembre 2014.
I pazienti di età inferiore a 66 anni con mieloma multiplo di nuova diagnosi sintomatico e misurabile, non avevano ricevuto alcuna precedente terapia per il mieloma ed erano idonei per il trapianto autologo di cellule staminali.
Tutti i pazienti hanno ricevuto 4 cicli di 28 giorni di Carfilzomib per via endovenosa da 20 mg/m2 a 36 mg/m2, Lenalidomide orale 25 mg e Desametasone orale 20 mg.
I pazienti dello studio che non avevano malattia progressiva potevano ricevere una terapia di consolidamento con 4 cicli del regime KRd di 28 giorni, 2 mesi dopo il recupero ematologico.

Il tasso di risposta completa rigorosa ( sCR ) al completamento del consolidamento era l'endpoint primario.

Sono stati inclusi in totale 46 pazienti ( età mediana, 56 anni [ intervallo interquartile, 50-62 ]; 70% uomini ) che avevano ricevuto almeno 1 dose di trattamento durante la fase di induzione.
Della coorte, 42 pazienti sono stati sottoposti a trapianto, 41 sono entrati nella fase di consolidamento e 40 sono entrati nella fase di mantenimento di 1 anno con Lenalidomide ( 10 mg ).
Dopo il completamento della terapia di consolidamento, 26 pazienti hanno raggiunto una risposta completa rigorosa ( 61.9%; IC 90%, 48.0-74.4; P = 0.0034 ).

Il tasso di risposta sCR è stato del 56.5% ( IC 90%, 43.4-69.0; P = 0.0172 ), sulla base di un'analisi di sensibilità dell'endpoint primario.
Inoltre, 27 partecipanti ( 64.3% ) hanno presentato una risposta completa e 25 ( 92.6% ) avevano malattia minima residua ( MRD ) non-rilevabile con l'uso della citometria a flusso multiparametrica ( 2.5 × 10-5 ) e 17 ( 63.0% ) con sequenziamento di nuova generazione ( 10-6 ).

Il follow-up mediano è stato di 60.5 mesi ( 58.7-62.1 ); 21 pazienti hanno presentato progressione e 10 sono morti a novembre 2019.
La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 56.4 mesi ( IC 95%, 43.5 - non-valutabile ) e la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta.

Non sono stati osservati decessi correlati al regime KRd e 4 pazienti ( 8.7% ) hanno interrotto definitivamente il trattamento combinato a causa di eventi avversi gravi; 3 durante l'induzione e 1 dopo il trapianto.

Sono stati segnalati un totale di 56 eventi avversi gravi in 31 ( 67.4% ) pazienti, tra cui 23 eventi avversi gravi emergenti dal trattamento ( TEAE ) in 19 ( 41.3% ) pazienti, infezioni in 12 ( 26.1% ) e disturbi muscoloscheletrici in 9 ( 19.6% ) pazienti in studio.
Inoltre, almeno 1 evento TEAE di grado 3-4 si è verificato in 45 ( 97.8% ) pazienti.
Le tossicità ematologiche ( induzione, 26.1%; consolidamento, 75.6% ) e le infezioni ( induzione, 19.6%; consolidamento: 2.4% ) sono stati gli eventi TEAE di grado 3-4 più frequenti.

Dallo studio è emerso che le risposte sono state rapide e profonde con miglioramenti in ogni fase, compresi i tassi di aumento della malattia minima residua non-rilevabile.
Il profilo di sicurezza è risultato accettabile soprattutto se i pazienti sono sottoposti a un monitoraggio regolare e attento per ridurre al minimo le tossicità cardiovascolari e trombotiche. ( Xagena2021 )

Fonte: Blood, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Il mantenimento post-trapianto con Carfilzomib ( Kyprolis ), Lenalidomide ( Revlimid ) e Desametasone ( regime KRd ) migliora gli...


La mancanza di uno studio randomizzato di confronto tra Carfilzomib ( K; Kyprolis ) ed Elotuzumab ( Elo; Empliciti )...


Melfalan flufenamide ( Melflufen; Pepaxto ), un coniugato alchilante farmaco-peptide, più Desametasone ha mostrato attività clinica e sicurezza gestibile nello...


I dati aggiornati dello studio randomizzato di fase 3 IKEMA hanno mostrato che l'aggiunta di Isatuximab ( Sarclisa ) a...


In uno studio retrospettivo è stato dimostrato che la Doxiciclina ( Bassado ) è associata a una maggiore sopravvivenza nei...



Un'analisi ad interim dello studio di fase 3 IKEMA ha dimostrato che l'associazione Isatuximab [ Sarclisa ] - Carfilzomib [...


La malattia da coronavirus 2019 ( Covid-19 ) è associata a danno polmonare diffuso. I glucocorticoidi possono modulare il danno...


Nell'analisi primaria dello studio di fase 3 MAIA ( follow-up mediano 28.0 mesi ), è stato osservato un miglioramento significativo...


In uno studio di fase 1b, Daratumumab ( Darzalex ) per via endovenosa più Pomalidomide ( Imnovid ) e Desametasone...