Esposizione a breve termine a livelli elevati di inquinamento atmosferico come fattore di rischio per l'embolia polmonare acuta isolata


L'associazione tra l'esposizione all'inquinamento atmosferico e l’insorgenza di tromboembolia venosa è dibattuta. Uno studio retrospettivo caso-controllo ha esaminato le associazioni tra l'esposizione di un mese a livelli elevati di diversi inquinanti ( PM10 , CO, NOx, O3, SO2, benzene, benzopirene, nichel, arsenicato di piombo ) e lo sviluppo di embolia polmonare ( PE ) acuta isolata.

Lo studio ha riguardato 33 pazienti ricoverati presso l’Ospedale di Padova ( Italia ) con una diagnosi oggettivamente dimostrata di embolia polmonare acuta non-provocata ( cioè senza condizioni predisponenti ) isolata ( cioè senza trombosi venosa profonda ).
Il gruppo di controllo era costituito da 72 pazienti con embolia polmonare acuta, oggettivamente provata, provocata ( cioè associata a condizioni predisponenti ), isolata.

Le concentrazioni medie di inquinanti nel mese precedente alla diagnosi di embolia polmonare sono state calcolate in due diversi luoghi nella città di Padova, e sono state ottenute dalla ARPA ( Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale ).

Gli individui che avevano esposizione pari o superiore al secondo terzile di PM10, NOx, benzene, benzopirene, cadmio, piombo hanno mostrato un aumento significativo del rischio di embolia polmonare non-provocata.

Nel caso di PM10 e benzopirene questo rischio non è stato influenzato dall’aggiustamento per possibili fattori confondenti.

Nell'analisi di regressione logistica multivariata, i valori di odds ratio ( OR ) erano 5.24 per l'esposizione a PM10 e 3.95 per l'esposizione a benzopirene nel mese precedente la diagnosi di embolia polmonare.

In conclusione, i risultati, anche se preliminari, hanno indicato che l’esposizione a breve termine ( ad esempio un mese ) ad elevati livelli di inquinanti atmosferici, è un fattore di rischio per lo sviluppo di embolia polmonare acuta.
Sono necessari studi più ampi per confermare i risultati. ( Xagena2014 )

Spiezia L et al, Thromb Res 2014; Epub ahead of print

Emo2014 Pneumo2014



Indietro

Altri articoli

Le attuali linee guida raccomandano una strategia di trattamento aggiustata per il rischio per la gestione dell'embolia polmonare acuta. Questa...


I dati dello studio HoT-PE hanno dimostrato i benefici per alcuni pazienti con embolia polmonare acuta a basso rischio, della...


Poco si sa sulla embolia polmonare grave nei bambini. Sono stati riportati gli esiti di embolia polmonare, identificati i fattori...


In accordo con l’EMA ( European Medcines Agency ) e con l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ), Pfizer Europe ha...


L'embolia polmonare viene diagnosticata incidentalmente fino al 5% dei pazienti con tumore in scansioni di imaging di routine. La rilevanza...


Pradaxa è un medicinale anticoagulante che trova impiego per: prevenire la formazione di coaguli ematici nelle vene degli adulti...


L'incidenza e i fattori di rischio dell'ipertensione polmonare tromboembolica cronica ( CTEPH ) dopo embolia polmonare ( PE ) acuta...


La prevalenza di embolia polmonare durante una esacerbazione acuta di malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) varia dal 3%...



Nello studio DULCIS ( D-dimer and ULtrasonography in Combination Italian Study ), la misurazione seriale del D-dimero in combinazione con...