Incidenza e fattori di rischio dell'ipertensione polmonare tromboembolica cronica dopo embolia polmonare acuta


L'incidenza e i fattori di rischio dell'ipertensione polmonare tromboembolica cronica ( CTEPH ) dopo embolia polmonare ( PE ) acuta sono ancora controversi.
È stata condotta una revisione sistematica e una meta-analisi per valutare l'incidenza e i fattori di rischio di ipertensione polmonare tromboembolica cronica dopo embolia polmonare acuta.

Sono stati identificati gli studi pubblicati fino a maggio 2018. Sono stati inclusi solo studi di coorte che utilizzavano cateterizzazione del cuore destro per la diagnosi di ipertensione polmonare tromboembolica cronica.
La qualità degli studi è stata valutata utilizzando la scala di Newcastle-Ottawa ( NOS ).

15 studi hanno soddisfatto i criteri di inclusione.

L'incidenza complessiva di ipertensione polmonare tromboembolica cronica dopo embolia polmonare acuta, con un follow-up mediano da 6 a 94.3 mesi, è stata del 3.13%.

L'incidenza di studi provenienti dalla Cina ( 4.46% ) è stata leggermente superiore rispetto all'Europa ( 2.82% ).
Tuttavia, non c'è stata alcuna differenza significativa tra questi due gruppi ( P=0.39 ).

Analisi di sottogruppo del metodo diagnostico hanno mostrato che studi comparati che hanno utilizzato il cateterismo del cuore destro ( 3.25% ), studi che hanno utilizzato la cateterizzazione del cuore destro combinati con test aggregati tendevano a fornire dati simili ( 2.40%, P=0.54 ). 

L'embolia polmonare precedente / ricorrente o il precedente tromboembolismo venoso, embolia polmonare idiopatica e disfunzione cardiaca destra sono stati considerati come fattori di rischio di ipertensione polmonare tromboembolica cronica in pazienti con precedente embolia polmonare.

In conclusione, l'ipertensione polmonare tromboembolica cronica non è una complicanza rara della embolia polmonare acuta.
Un attento follow-up e l'implementazione di un programma di screening completo sono importanti, specialmente nei pazienti con fattori di rischio indipendenti. ( Xagena2018 )

Zhang M et al, J Thorac Dis 2018; 10: 4751-4763

Cardio2018 Pneumo2018 Emo2018



Indietro

Altri articoli

Le attuali linee guida raccomandano una strategia di trattamento aggiustata per il rischio per la gestione dell'embolia polmonare acuta. Questa...


I dati dello studio HoT-PE hanno dimostrato i benefici per alcuni pazienti con embolia polmonare acuta a basso rischio, della...


Poco si sa sulla embolia polmonare grave nei bambini. Sono stati riportati gli esiti di embolia polmonare, identificati i fattori...


In accordo con l’EMA ( European Medcines Agency ) e con l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ), Pfizer Europe ha...


L'embolia polmonare viene diagnosticata incidentalmente fino al 5% dei pazienti con tumore in scansioni di imaging di routine. La rilevanza...


Pradaxa è un medicinale anticoagulante che trova impiego per: prevenire la formazione di coaguli ematici nelle vene degli adulti...


La prevalenza di embolia polmonare durante una esacerbazione acuta di malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) varia dal 3%...



Nello studio DULCIS ( D-dimer and ULtrasonography in Combination Italian Study ), la misurazione seriale del D-dimero in combinazione con...