Tomografia computerizzata multidetettore per embolia polmonare acuta


Nei pazienti con embolia polmonare acuta, la correlazione tra il carico embolico valutato con tomografia computerizzata multidetettore ( TCMD ) e gli esiti clinici non è chiara.

Sono stati inclusi in uno studio multicentrico i pazienti con embolia polmonare acuta sintomatica diagnosticata sulla base della angiografia con TCMD, per valutare il ruolo prognostico del carico embolico valutato con scansione TCMD.

Il carico embolico è stato valutato come (1) localizzazione degli emboli ( centrale [ biforcazione o almeno una arteria polmonare principale ], lobare, o distale [ arterie segmentali o subsegmentali ] e (2) indice di ostruzione attraverso il punteggio del sistema di Qanadli.

L'esito primario era rappresentato dalla mortalità per qualsiasi causa o peggioramento clinico a 30 giorni.

Complessivamente, 579 pazienti sono stati inclusi nello studio; 60 ( 10.4% ) sono deceduti o hanno avuto un peggioramento clinico a 30 giorni.

La localizzazione centrale degli emboli non è stata associata con la morte per tutte le cause o con il peggioramento clinico ( hazard ratio, HR=2.42; P=0.13 ).

Tuttavia, in 516 pazienti emodinamicamente stabili, la localizzazione centrale degli emboli ( HR=8.3; P=0.047 ) era un predittore indipendente di mortalità per qualsiasi causa o peggioramento clinico, mentre gli emboli distali sono stati inversamente associati a questi eventi ( HR=0.12, P=0.047 ).

Non è stata rilevata nessuna correlazione tra indice di ostruzione ( valutato in 448 pazienti ) e mortalità per qualsiasi causa o deterioramento clinico nella popolazione generale dello studio e nei pazienti emodinamicamente stabili.

In conclusione, nei pazienti emodinamicamente stabili con embolia polmonare acuta, gli emboli centrali sono associati ad un aumentato rischio di mortalità per tutte le cause o peggioramento clinico.
Questo rischio è basso nei pazienti con embolia polmonare segmentale o subsegmentale. ( Xagena2012 )

Vedovati MC et al, Chest 2012; 142: 1417-1424


Pneumo2012 Diagno2012



Indietro

Altri articoli

Le attuali linee guida raccomandano una strategia di trattamento aggiustata per il rischio per la gestione dell'embolia polmonare acuta. Questa...


I dati dello studio HoT-PE hanno dimostrato i benefici per alcuni pazienti con embolia polmonare acuta a basso rischio, della...


Poco si sa sulla embolia polmonare grave nei bambini. Sono stati riportati gli esiti di embolia polmonare, identificati i fattori...


In accordo con l’EMA ( European Medcines Agency ) e con l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ), Pfizer Europe ha...


L'embolia polmonare viene diagnosticata incidentalmente fino al 5% dei pazienti con tumore in scansioni di imaging di routine. La rilevanza...


Pradaxa è un medicinale anticoagulante che trova impiego per: prevenire la formazione di coaguli ematici nelle vene degli adulti...


L'incidenza e i fattori di rischio dell'ipertensione polmonare tromboembolica cronica ( CTEPH ) dopo embolia polmonare ( PE ) acuta...


La prevalenza di embolia polmonare durante una esacerbazione acuta di malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) varia dal 3%...



Nello studio DULCIS ( D-dimer and ULtrasonography in Combination Italian Study ), la misurazione seriale del D-dimero in combinazione con...