Trattamento ed esiti clinici a lungo termine dell'embolia polmonare incidentale nei pazienti con tumore


L'embolia polmonare viene diagnosticata incidentalmente fino al 5% dei pazienti con tumore in scansioni di imaging di routine.
La rilevanza clinica e la terapia ottimale per l'embolia polmonare accidentale, in particolare i coaguli distali, non sono chiare.
Sono state valutate le attuali strategie di trattamento e gli esiti clinici a lungo termine dell'embolia polmonare rilevata incidentalmente nei pazienti con tumore.

È stato condotto uno studio internazionale, prospettico, di coorte osservazionale tra il 2012 e il 2017.
Erano ammissibili adulti non-selezionati con tumore attivo e una recente diagnosi di embolia polmonare incidentale.

Gli esiti erano tromboembolia venosa ricorrente, sanguinamento maggiore e mortalità per qualsiasi causa durante i 12 mesi di follow-up.

Sono stati inclusi in totale 695 pazienti. L'età media era di 66 anni e il 58% dei pazienti era di sesso maschile.
I tipi di tumore più frequenti erano tumore del colon-retto ( 21% ) e dei polmoni ( 15% ).
La terapia anticoagulante è stata iniziata in 675 pazienti ( 97% ), di cui 600 ( 89% ) sono stati trattati con Eparina a basso peso molecolare.

Tromboembolia venosa ricorrente si è verificata in 41 pazienti ( incidenza cumulativa a 12 mesi, 6.0% ), sanguinamento maggiore in 39 pazienti ( incidenza cumulativa a 12 mesi, 5.7% ) e 283 pazienti sono deceduti ( incidenza cumulativa a 12 mesi, 43% ).

L'incidenza a 12 mesi di tromboembolia venosa ricorrente è stata del 6.4% nei pazienti con embolia polmonare sub-segmentale rispetto al 6.0% in quelli con embolia polmonare più prossimale ( hazard ratio di sottodistribuzione, 1.1; P=0.93 ).

Nei pazienti con tumore con embolia polmonare incidentale, il rischio di tromboembolia venosa ricorrente è significativo nonostante il trattamento anticoagulante.
I pazienti con embolia polmonare sub-segmentale sembrano avere un rischio di tromboembolia venosa ricorrente paragonabile a quello dei pazienti con coaguli più prossimali. ( Xagena2019 )

Kraaijpoel N et al, J Clin Oncol 2019; 37: 1713-1720

Onco2019 Emo2019



Indietro

Altri articoli

Le attuali linee guida raccomandano una strategia di trattamento aggiustata per il rischio per la gestione dell'embolia polmonare acuta. Questa...


I dati dello studio HoT-PE hanno dimostrato i benefici per alcuni pazienti con embolia polmonare acuta a basso rischio, della...


Poco si sa sulla embolia polmonare grave nei bambini. Sono stati riportati gli esiti di embolia polmonare, identificati i fattori...


In accordo con l’EMA ( European Medcines Agency ) e con l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ), Pfizer Europe ha...


Pradaxa è un medicinale anticoagulante che trova impiego per: prevenire la formazione di coaguli ematici nelle vene degli adulti...


L'incidenza e i fattori di rischio dell'ipertensione polmonare tromboembolica cronica ( CTEPH ) dopo embolia polmonare ( PE ) acuta...


La prevalenza di embolia polmonare durante una esacerbazione acuta di malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) varia dal 3%...



Nello studio DULCIS ( D-dimer and ULtrasonography in Combination Italian Study ), la misurazione seriale del D-dimero in combinazione con...