Camrelizumab più Carboplatino e Pemetrexed rispetto alla sola chemioterapia nei pazienti naive alla chemioterapia con tumore polmonare non-a-piccole cellule non-squamoso avanzato: studio CameL


L'immunoterapia combinata con la chemioterapia si è dimostrata efficace come trattamento per il tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), non-squamoso, avanzato senza aberrazioni genetiche targetizzabili; tuttavia, vi sono limitate prove dell'efficacia delle combinazioni nella popolazione asiatica.
È stato valutato Camrelizumab più chemioterapia per il tumore NSCLC non-squamoso in Cina.

È stato condotto lo studio di fase 3 randomizzato, in aperto, multicentrico CameL in 52 ospedali in Cina per pazienti con tumore NSCLC non-squamoso senza alterazioni di EGFR e ALK.
I pazienti idonei avevano un'età compresa tra 18 e 70 anni e non erano stati sottoposti a precedente chemioterapia sistemica, ECOG performance status pari a 0 o 1 e almeno una lesione misurabile secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 4-6 cicli di Carboplatino ( area sotto la curva 5 mg/ml al min ) più Pemetrexed ( 500 mg/m2 ) con o senza Camrelizumab ( 200 mg ) ogni 3 settimane, seguita da terapia di mantenimento con Camrelizumab più Pemetrexed o Pemetrexed da solo. Il farmaco è stato somministrato per via endovenosa il giorno 1 di ogni ciclo di trattamento di 3 settimane.

La randomizzazione è stata stratificata in base al sesso e alla storia di abitudine al fumo.

I due endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) per revisione centrale indipendente in cieco, in tutti i pazienti e nei pazienti PD-L1 positivi.
L'analisi primaria è stata eseguita nel set completo di analisi che includeva tutti i pazienti assegnati in modo casuale che avevano ricevuto almeno una dose del trattamento in studio.

A causa del raggiungimento dell'endpoint primario nell'analisi ad interim, sono stati riportati i risultati di un'analisi ad interim prespecificata, che includeva solo test statistici di conferma per la sopravvivenza libera da progressione in tutti i pazienti.
La sicurezza è stata valutata nella popolazione trattata.

Tra il 12 maggio 2017 e il 6 giugno 2018, dei 419 pazienti assegnati in modo casuale, 7 non hanno ricevuto il trattamento assegnato e 412 hanno ricevuto Camrelizumab più chemioterapia ( n=205 ) oppure chemioterapia da sola ( n=207 ).

All'analisi ad interim, la durata mediana del follow-up era di 11.9 mesi.

La sopravvivenza libera da progressione in questa analisi ad interim è risultata significativamente prolungata con Camrelizumab più chemioterapia rispetto alla sola chemioterapia ( mediana 11.3 mesi vs 8.3 mesi; hazard ratio, HR 0.60; P monolaterale=0.0001 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o peggiore correlati al trattamento sono stati la riduzione della conta dei neutrofili ( 78 pazienti nel gruppo Camrelizumab più chemioterapia, 38%, vs 63 pazienti nel gruppo di chemioterapia da sola, 30% ), diminuzione della conta dei globuli bianchi ( 40, 20%, vs 30, 14% ), anemia ( 38, 19%, vs 23, 11% ) e diminuzione della conta delle piastrine ( 34, 17%, vs 24, 12% ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 74 pazienti ( 36% ) nel gruppo Camrelizumab più chemioterapia e in 27 pazienti ( 13% ) nel gruppo solo chemioterapia.

L'endpoint primario è stato raggiunto all'analisi ad interim, mostrando un miglioramento statisticamente e clinicamente significativo della sopravvivenza libera da progressione con Camrelizumab più Carboplatino e Pemetrexed rispetto alla sola chemioterapia in tutti i pazienti, sostenendo Camrelizumab più Carboplatino e Pemetrexed come opzione di trattamento di prima linea per pazienti cinesi con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule non-squamoso in fase avanzata senza alterazioni di EGFR e ALK.

Lo studio è in corso per raccogliere esiti a lungo termine in tutti i pazienti ed eseguire test statistici di conferma per la sopravvivenza libera da progressione nella popolazione positiva per PD-L1. ( Xagena2021 )

Zhou C et al, Lancet Respiratory Medicine 2021; 9: 305-314

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

È stato esaminato Cemiplimab ( Libtayo ), un inibitore PD-1, nel trattamento di prima linea del tumore polmonare non-a-piccole cellule...


Nuovi dati dallo studio di fase 1 CHRYSALIS, che ha valutato Amivantamab nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule (...


Ensartinib, un inibitore orale della tirosin-chinasi della chinasi ALK, ha mostrato efficacia sistemica e sul sistema nervoso centrale per i...


Ganetespib, un potente inibitore della proteina da shock termico 90 ( Hsp90 ), blocca molteplici percorsi oncogenici, con conseguente attività...


Nello studio di fase I BLOOM, Osimertinib ( Tagrisso ), un inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) del recettore del...


Circa il 10% dei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) positivo al recettore del fattore di crescita...


Sotorasib ha dimostrato attività antitumorale incoraggiante tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato, fortemente pretrattato,...


Il blocco terapeutico di PD-1 e del suo ligando PD-L1 ha trasformato la gestione del tumore polmonare non-a-piccole cellule (...