Osimertinib nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule positivo alla mutazione del gene EGFR e metastasi leptomeningee: studio BLOOM


Nello studio di fase I BLOOM, Osimertinib ( Tagrisso ), un inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) di terza generazione, è stato valutato nei pazienti con metastasi leptomeningee da tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) EGFR-mutato ( EGFRm ) in fase avanzata la cui malattia era progredita con la precedente terapia a base di inibitori TK di EGFR.

I pazienti con metastasi leptomeningee citologicamente confermate hanno ricevuto Osimertinib 160 mg una volta al giorno.

Gli endpoint erano valutare il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), la durata della risposta ( DoR ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ), la farmacocinetica ( PK ) e la sicurezza.

Ulteriori valutazioni di efficacia includevano cambiamenti rispetto al basale nella citologia del liquido cerebrospinale e nell'esame neurologico.

Le lesioni misurabili sono state valutate secondo i criteri RECIST versione 1.1. Le metastasi leptomeningee sono state valutate mediante revisione BIRC neuroradiologica in base alla valutazione della risposta secondo i criteri radiologici per metastasi leptomeningee RANO ( Response Assessment in Neuro-Oncology ) e la valutazione dello sperimentatore.

Sono stati arruolati 41 pazienti.

Riguardo alle metastasi leptomeningee, il tasso di risposta obiettiva e la durata della risposta secondo BICR neuroradiologica sono stati rispettivamente pari a 62% e 15.2 mesi.
Complessivamente, il tasso di risposta obiettiva secondo lo sperimentatore è stato del 41% e la durata della malattia mediana è stata di 8.3 mesi.

La sopravvivenza mediana senza progressione valutata dallo sperimentatore è stata pari a 8.6 mesi con maturità del 78%; la sopravvivenza mediana globale è stata di 11.0 mesi con maturità del 68%.

La clearance delle cellule tumorali a livello del liquido cerebrospinale è stata confermata in 11 ( 28% ) pazienti su 40.

La funzione neurologica è migliorata in 12 ( 57% ) su 21 pazienti con una valutazione anormale al basale.

Gli eventi avversi e il profilo farmacocinetico erano coerenti con i precedenti rapporti su Osimertinib.

Osimertinib ha mostrato una efficacia terapeutica significativa nel sistema nervoso centrale e un profilo di sicurezza gestibile al dosaggio di 160 mg una volta al giorno nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule con mutazione in EGFR e con metastasi leptomeningee. ( Xagena2020 )

Yang JCH et al, J Clin Oncol 2020; 38: 538-547

Pneumo2020 Neuro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

È stato esaminato Cemiplimab ( Libtayo ), un inibitore PD-1, nel trattamento di prima linea del tumore polmonare non-a-piccole cellule...


Nuovi dati dallo studio di fase 1 CHRYSALIS, che ha valutato Amivantamab nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule (...


L'immunoterapia combinata con la chemioterapia si è dimostrata efficace come trattamento per il tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC...


Ensartinib, un inibitore orale della tirosin-chinasi della chinasi ALK, ha mostrato efficacia sistemica e sul sistema nervoso centrale per i...


Ganetespib, un potente inibitore della proteina da shock termico 90 ( Hsp90 ), blocca molteplici percorsi oncogenici, con conseguente attività...


Circa il 10% dei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) positivo al recettore del fattore di crescita...


Sotorasib ha dimostrato attività antitumorale incoraggiante tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato, fortemente pretrattato,...


Il blocco terapeutico di PD-1 e del suo ligando PD-L1 ha trasformato la gestione del tumore polmonare non-a-piccole cellule (...