Sopravvivenza a 4 anni con Nivolumab nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule avanzato precedentemente trattato


Dati clinici di fase 3 hanno mostrato percentuali più elevate di pazienti con risposta obiettiva, durata della risposta più lunga e sopravvivenza globale più lunga con Nivolumab ( Opdivo ) rispetto a Docetaxel in pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato precedentemente trattato.
È stato valutato il beneficio a lungo termine di Nivolumab e l'effetto della risposta e del controllo della malattia sulla sopravvivenza successiva.

Sono stati raggruppati i dati di quattro studi clinici su Nivolumab in pazienti con tumore NSCLC precedentemente trattato ( CheckMate 017, 057, 063 e 003 ) per valutare gli esiti di sopravvivenza.
Sono stati inclusi studi di Nivolumab in seconda linea o successiva con follow-up di almeno 4 anni. Il confronto tra Nivolumab e Docetaxel ha incluso tutti i pazienti randomizzati dagli studi di fase 3 CheckMate 017 e 057.

Sono state effettuate analisi per stato di risposta a 6 mesi per determinare i risultati di sopravvivenza post-punto di riferimento.
Sono stati esclusi i pazienti che non avevano una valutazione radiografica del tumore a 6 mesi.
Le analisi di sicurezza hanno incluso tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Nivolumab.

In tutti e quattro gli studi, la sopravvivenza globale a 4 anni con Nivolumab è stata del 14% per tutti i pazienti ( n=664 ), 19% per quelli con almeno 1% di espressione PD-L1 e 11% per quelli con meno dell'1% di espressione PD-L1.

In CheckMate 017 e 057, la sopravvivenza globale a 4 anni è stata del 14% nei pazienti trattati con Nivolumab, rispetto al 5% nei pazienti trattati con Docetaxel.

La sopravvivenza successiva alla risposta a 6 mesi con Nivolumab o Docetaxel è stata più lunga rispetto a dopo la malattia progressiva a 6 mesi, con hazard ratio ( HR ) per la sopravvivenza globale di 0.18 per Nivolumab e 0.43 per Docetaxel; per la malattia stabile rispetto alla malattia progressiva, gli hazard ratio erano 0.52 per Nivolumab e 0.80 per Docetaxel.

I pazienti con carcinoma la polmone non-a-piccole cellule avanzato trattati con Nivolumab hanno raggiunto una durata di risposta maggiore rispetto ai pazienti trattati con Docetaxel, associata a un vantaggio di sopravvivenza a lungo termine. ( Xagena2019 )

Antonia SJ et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1395-1408

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

È stato esaminato Cemiplimab ( Libtayo ), un inibitore PD-1, nel trattamento di prima linea del tumore polmonare non-a-piccole cellule...


Nuovi dati dallo studio di fase 1 CHRYSALIS, che ha valutato Amivantamab nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule (...


L'immunoterapia combinata con la chemioterapia si è dimostrata efficace come trattamento per il tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC...


Ensartinib, un inibitore orale della tirosin-chinasi della chinasi ALK, ha mostrato efficacia sistemica e sul sistema nervoso centrale per i...


Ganetespib, un potente inibitore della proteina da shock termico 90 ( Hsp90 ), blocca molteplici percorsi oncogenici, con conseguente attività...


Nello studio di fase I BLOOM, Osimertinib ( Tagrisso ), un inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) del recettore del...


Circa il 10% dei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) positivo al recettore del fattore di crescita...


Sotorasib ha dimostrato attività antitumorale incoraggiante tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato, fortemente pretrattato,...


Il blocco terapeutico di PD-1 e del suo ligando PD-L1 ha trasformato la gestione del tumore polmonare non-a-piccole cellule (...