Pioglitazone, Vitamina-E o placebo per la steatoepatite non-alcolica


La steatoepatite non-alcolica è una malattia epatica comune che può progredire in cirrosi e al momento non è disponibile un trattamento definito per questa malattia.

Un totale di 247 adulti con steatoepatite non-alcolica e senza diabete sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Pioglitazone ( Actos ) alla dose di 30 mg al giorno ( n=80 ), Vitamina-E alla dose di 800 UI al giorno ( n=84 ) o placebo ( n=83 ) per 96 settimane.

L'esito primario era un miglioramento nelle caratteristiche istologiche della steatoepatite non-alcolica, come valutato con l'uso di punteggi standardizzati compositi per steatosi, infiammazione lobulare, rigonfiamento epatocellulare e fibrosi.

La terapia con Vitamina-E, rispetto al placebo, è risultata associata a un tasso significativamente più alto di miglioramento della steatoepatite non-alcolica ( 43% vs 19%, P=0.001 ), ma le differenze nel tasso di miglioramento con Pioglitazone rispetto a placebo non sono risultate significative ( 34% e 19%, rispettivamente; P=0.04 ).

I liveli sierici di alanina aminotransferasi ( ALT ) e aspartato aminotransferasi ( AST ) sono risultati ridotti dalla Vitamina E e da Pioglitazone, rispetto al placebo ( P inferiore a 0.001 per entrambi i confronti ) ed entrambi i farmaci sono risultati associati a riduzioni nella steatosi epatica ( P=0.005 per Vitamina-E e P inferiore a 0.001 per Pioglitazone ) e nell'infiammazione lobulare ( P=0.02 per Vitamina-E e P=0.004 per Pioglitazone ) ma senza miglioramenti nei punteggi di fibrosi ( P=0.24 per Vitamina-E e P=0.12 per Pioglitazone ).

I soggetti trattati con Pioglitazone hanno acquistato più peso di quelli trattati con Vitamina-E o placebo; i tassi di altri effetti collaterali sono risultati simili tra i tre gruppi.

In conclusione, la Vitamina-E è risultata superiore al placebo nel trattamento della steatoepatite non-alcolica in adulti senza diabete.
Non è stato osservato alcun beneficio del Pioglitazone rispetto al placebo per l'esito primario; tuttavia, sono stati osservati benefici significativi di Pioglitazone per alcuni degli esiti secondari. ( Xagena2010 )

Sanyal AJ et al, N Engl J Med 2010; 362: 1675-1685



Gastro2010 Farma2010


Indietro

Altri articoli

La gestione della steatoepatite non-alcolica ( NASH ) è un'esigenza clinica insoddisfatta. Lanifibranor è un agonista pan-PPAR ( recettore attivato...


Nessuna terapia ha dimostrato di ridurre il rischio di gravi esiti avversi nei pazienti con steatoepatite non-alcolica ( NASH ). È...


L'Acido Obeticolico ( Ocaliva ) ha prodotto effetti antifibrotici in modo dose-dipendente in un ampio studio prospettico di pazienti...


Nuovi dati sulla steatoepatite non-alcolica ( NASH ) sono stati presentati all'International Liver Congress a Vienna. I dati supportano lo sviluppo...


La steatoepatite non-alcolica ( NASH ) è un tipo comune di malattia epatica cronica che può portare alla cirrosi. L'Acido...


La steatoepatite non-alcolica ( NASH ) è caratterizzata da steatosi epatica, infiammazione, danno epatocellulare e fibrosi epatica progressiva. Resmetirom è...


Pegbelfermin, un analogo del fattore 21 di crescita dei fibroblasti ( FGF21 ) umani PEGilato, ha dimostrato in precedenza di...


Lo spettro istologico della steatosi epatica non-alcolica ( NAFLD ) comprende la steatosi epatica ( NAFL ) e la steatoepatite...


Ezetimibe ( Ezetrol, Zetia ) inibisce l'assorbimento intestinale di colesterolo e abbassa il colesterolo LDL. Studi non-controllati hanno suggerito che...


Il consumo di Caffeina del caffè è associato a ridotta incidenza di fibrosi epatica nei pazienti con malattie croniche del...