Predittori di futuri tentativi di suicidio tra gli adolescenti con pensieri suicidari o autolesionismo non-suicidario


I pensieri suicidari e l'autolesionismo non-suicidario sono comuni negli adolescenti e sono fortemente associati ai tentativi di suicidio.
Si è cercato di identificare i predittori di futuri tentativi di suicidio in questi gruppi ad alto rischio.

I partecipanti provenivano da ALSPAC ( Avon Longitudinal Study of Parents and Children ), uno studio di coorte di nascita basato sulla popolazione nel Regno Unito.
Il campione comprendeva 456 adolescenti che hanno riportato pensieri suicidari e 569 che hanno riportato autolesionismo non-suicidario a 16 anni.
Sono state esaminate le associazioni tra una vasta gamma di fattori di rischio registrati in modo prospettico e futuri tentativi di suicidio, valutati all'età di 21 anni.

38 su 310 partecipanti ( 12% ) con pensieri suicidari e 46 su 380 partecipanti ( 12% ) che erano stati coinvolti in episodi di autolesionismo non-suicidario hanno riferito di aver tentato il suicidio per la prima volta dal follow-up a 21 anni.

Tra i partecipanti con pensieri suicidi, i predittori più forti della transizione verso i tentativi erano l'autolesionismo non-suicidario ( odds ratio, OR 2.78, P=0.0059 ), l’uso di Cannabis ( 2.61, P=0.029 ), l’uso di altre droghe illecite ( 2.47, P=0.045 ), l’esposizione all'autolesionismo ( famiglia 2.03, P=0.076; amici 1.85, P=0.081 ) e livelli superiori di intelletto / apertura del tipo di personalità ( 1.62, P=0.025 ).

Tra i partecipanti con autolesionismo non-suicidario al basale, i predittori più forti erano l'uso di Cannabis ( OR 2.14, P=0.038 ), l’uso di altre droghe illecite ( 2.17, P=0.025 ), problemi di sonno ( risvegli notturni 1.91, P=0.069; sonno insufficiente 1.97, P=0.043 ) e livelli inferiori di estroversione del tipo di personalità ( 0.71, P=0.068 ).

La maggior parte degli adolescenti che pensano al suicidio o attuano autolesionismo non-suicidario non tenterà di togliersi la vita.
Molti di questi fattori di rischio comunemente citati non sono stati associati alla transizione al tentativo di suicidio tra questi gruppi ad alto rischio.
I risultati suggeriscono che le domande sull'uso di sostanze, l'autolesionismo non-suicidario, il sonno, i tratti della personalità e l'esposizione all'autolesionismo possano informare le valutazioni del rischio e aiutare i medici a identificare quali adolescenti siano maggiormente a rischio di tentare il suicidio in futuro. ( Xagena2019 )

Mars B et al, Lancet Psychiatry 2019; 6: 327-337

Psyche2019 Pedia2019



Indietro

Altri articoli

Le prime 4 settimane dopo l'inizio e la cessazione del trattamento con agonisti degli oppioidi per la dipendenza da oppioidi...


La chirurgia bariatrica riduce la mortalità, ma potrebbe avere effetti negativi sulla salute mentale. È stato valutato il rischio di suicidio...


L'autolesionismo non-suicida viene sempre più riconosciuto come una preoccupazione di salute pubblica di primo piano. L'identificazione di fattori di rischio precoci...


Sebbene l’autolesionismo sia un forte predittore di suicidio, manca la prova di interventi efficaci. Si è valutato se la terapia...


Uno studio ha cercato di verificare se l’essere frequentemente oggetti di atti di bullismo durante l'infanzia possa aumentare la probabilità...


Si è valutato in uno studio se i fattori clinici e psicosociali negli adolescenti depressi al basale possano predire i...


Una recente meta-analisi di studi randomizzati ha evidenziato che la classe dei farmaci antitiepilettici aumenta il rischio di pensieri suicidari...


Una recente meta-analisi di studi randomizzati ha rivelato che la classe dei farmaci antiepilettici aumenta il rischio di pensieri e...


Uno studio, pubblicato su Neurology, ha mostrato che alcuni farmaci per l’epilessia sono associati a un aumento del rischio di...