Rischi di gravidanza ed esiti alla nascita avversi nelle donne trattate o non-trattate con stabilizzatori di umore per disturbo bipolare


Sono stati valutati i rischi di gravidanza e gli esiti avversi alla nascita per il disturbo bipolare trattato e non-trattato durante la gravidanza, mediante uno studio di coorte che ha utilizzato i dati dei registri sanitari nazionali svedesi.

Hanno partecipato allo studio 332.137 donne con un ultimo periodo mestruale in qualsiasi momento dopo il 1° luglio 2005 e un parto in qualsiasi momento prima della fine del 31 dicembre 2009.

Le donne con almeno due diagnosi bipolari sono state identificate e raggruppate come trattate ( n=320 ), cioè quelle che avevano avuto una prescrizione di stabilizzatori dell'umore ( Litio, antipsicotici, o anticonvulsivanti ) durante la gravidanza, o non-trattate ( n=554 ).
Entrambi i gruppi sono stati confrontati con tutte le altre donne che avevano partorito ( n=331.263 ).

Le principali misure di esito erano nascita pretermine, modalità di inizio del travaglio, diabete gestazionale, bambini nati piccoli o grandi per l'età gestazionale, morbilità neonatale e malformazioni congenite.

Tra le donne non-trattate, il 30.9% ( n=171 ) ha avuto un parto indotto o cesareo programmato rispetto al 20.7% ( n=68.533 ) senza disturbo bipolare ( odds ratio, OR=1.57 ).
I valori corrispondenti per le donne trattate sono stati 37.5% ( n=120 ) ( OR=2.12 ).

I rischi di parto pretermine nelle donne sia trattate che non-trattate sono aumentati del 50%.
Tra le donne non-trattate, il 3.9% ( n=542 ) ha avuto un bambino affetto da microcefalia contro il 2.3% ( 324.844 ) delle donne senza disturbo bipolare ( OR=1.68 ).
I valori corrispondenti per le donne trattate sono stati 3.3% ( n=311 ) ( OR=1.26 ).

Tendenze simili sono state osservate per il rischio di avere neonati piccoli per età gestazionale, per peso e lunghezza.
Tra i neonati di donne non-trattate, il 4.3% ( n=24 ) presentava ipoglicemia neonatale rispetto al 2.5% ( n=8.302 ) tra i neonati di donne senza disturbo bipolare ( OR=1.51 ) e il 3.4% ( n=11 ) delle donne trattate ( OR=1.18 ).
Non è stata riscontrata nessuna differenza significativa tra le donne trattate e non-trattate.

In conclusione, il disturbo bipolare nelle donne durante la gravidanza, se trattata o meno, è risultato associato a un aumentato rischio di esiti negativi della gravidanza. ( Xagena2012 )

Bodén R et al, BMJ 2012; 345: e7085

Gyne2012 Pedia2012 Psyche2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

Non ci sono dati certi riguardo ai rischi nell'uso del Litio durante la gravidanza nelle donne con disturbo bipolare. E'...


Uno studio di fase 3 ha valutato l'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di Cariprazina a basso e ad alto...


I risultati di uno studio in doppio-cieco, randomizzato, a gruppi paralleli, controllato con placebo, fattoriale 2x2 ( CEQUEL ) ha...


Il Litio ha mostrato di essere sicuro ed efficace nella gestione dei sintomi del disturbo bipolare di tipo I nella...


I disturbi psichiatrici sono noti per essere prevalenti nella sclerosi multipla. L'obiettivo di uno studio è stato quello di esaminare...


Ci sono dati limitati sulla prevalenza delle disfunzioni sessuali nei pazienti con disturbo bipolare in trattamento con Litio ( Carbolithium...


Uno studio ha valutato l'effetto della Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) sulla disfunzione sessuale correlata al trattamento con Litio (...


Sono disponibili poche informazioni sulla necessità di modificare il dosaggio di Lamotrigina ( Lamictal ) in donne in gravidanza con...


Uno studio ha stimato l'incidenza e il rischio relativo di ictus e di mortalità per qualsiasi causa post-ictus tra i...


I sali di Litio, in passato cardine della terapia per il disturbo bipolare, comportano problemi di tollerabilità a un dosaggio...