EMEA, i farmaci antidepressivi SSRI e SNRI non dovrebbero essere impiegati nei pazienti in età pediatrica


L’EMEA ( European Medicines Agency ) ha portato a termine una revisione su due classi di farmaci antidepressivi ed ha concluso che non dovrebbero essere somministrati a bambini e adolescenti, ad eccezione delle indicazioni approvate.

La revisione, che ha interessato gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) e gli inibitori della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina ( SNRI ), ha posto l’attenzione sul potenziale rischio di comportamenti suicidari nei bambini e negli adolescenti trattati con questi farmaci.

Sono stati esaminati i seguenti farmaci: Atomoxetina, Citalopram, Duloxetina, Escitalopram, Fluoxetina, Fluvoxamina, Mianserina, Milnacepran, Mirtazapina, Paroxetina, Reboxetina, Sertralina e Venlafaxina.

Il comitato scientifico dell’EMEA, il Committee for Medicinal Products for Human Use ( CHMP ) ha concluso che i comportamenti correlati al suicidio ( tentativo di suicidio ed intenzioni suicidarie ) e l’ostilità ( principalmente aggressività, comportamento ostile e rabbia ) sono stati osservati con maggior frequenza nei pazienti pediatrici trattati con questi farmaci antidepressivi, rispetto a quelli trattati con placebo.

Gli antidepressivi SSRI e SNRI non dovrebbero essere impiegati nei bambini e negli adolescenti, salvo per le indicazioni approvate.

La maggior parte di questi farmaci sono stati approvati per il trattamento della depressione e dell’ansia nei pazienti adulti, ma non nei bambini o negli adolescenti.
Alcuni dei farmaci esaminati sono stati approvati per uso pediatrico nel trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo, ed uno di questi per il trattamento del deficit di attenzione/sindrome da iperattività.

Un medico può talora, sulla base delle necessità cliniche individuali di un bambino o di un adolescente, impiegare questi farmaci nel trattamento della depressione o dell’ansia.
In questi casi, i pazienti devono essere strettamente monitorati per la possibile comparsa di comportamenti suicidari, autolesionismo o ostilità, in modo particolare all’inizio del trattamento.

Il trattamento con farmaci SSRI e SNRI non dovrebbe essere interrotto dal paziente o dai genitori senza prima consultare il medico, poiché c’è il rischio che si manifestino sintomi da interruzione del farmaco come vertigini, disturbi del sonno e ansia, qualora la sospensione della terapia fosse improvvisa.
Inoltre, quando si sta per interrompere il trattamento, si deve ridurre in modo graduale il dosaggio nell’arco di settimane o di mesi. ( Xagena2005 )

Fonte: EMEA, 2005

Psyche2005 Pedia2005 Farma2005


Indietro

Altri articoli

L'esposizione in utero agli inibitori della ricaptazione della serotonina ( SSRI ), ampiamente impiegati come farmaci antidepressivi, può aumentare il...


La disfunzione sessuale è comune con gli antidepressivi serotoninergici, inclusi gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI )...


Uno studio osservazionale di ampie dimensioni ha dimostrato che i pazienti, sottoposti a intervento chirurgico, e che assumono un inibitore...


Una meta-analisi di studi ha mostrato che il trattamento con un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina ( SSRI )...


L’analisi di dati aggregati di singoli pazienti è stata utilizzata per confrontare l'efficacia antidepressiva di Agomelatina ( Thymanax, Valdoxan )...


I pazienti che assumono Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) o la duplice terapia antiaggregante in combinazione con un inibitore selettivo...


Sulla base delle attuali evidenze gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) non possono essere raccomandati per...


I Ricercatori della Harvard School of Public Health di Boston, negli Stati Uniti, hanno condotto uno studio per valutare gli...


L’obiettivo dello studio era quello di valutare il rischio teratogeno della Paroxetina e della Fluoxetina, due farmaci SSRI ( inibitori...


Si ritiene che l’uso degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) in gravidanza, siano associati a rischio...