I pazienti che assumono farmaci antidepressivi SSRI e sono sottoposti a intervento chirurgico presentano un più alto rischio di mortalità ospedaliera


Uno studio osservazionale di ampie dimensioni ha dimostrato che i pazienti, sottoposti a intervento chirurgico, e che assumono un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina ( SSRI ), appaiono avere un maggior rischio di eventi avversi e di mortalità.

I pazienti trattati con SSRI nel periodo perioperatorio hanno mostrato una probabilità del 20% maggiore di morire in ospedale dopo un intervento chirurgico maggiore, rispetto agli altri pazienti.

Sanguinamenti e riammissione precoce in ospedale si sono verificati più spesso tra i pazienti, trattati con farmaci SSRI.

Il tasso di mortalità complessivo è stato, tuttavia, basso ( 0.6% ) con un NNH ( numero necessario per causare un decesso o una riammissione ospedaliera ) di circa 1.000.

L’interruzione brusca della assunzione degli antidepressivi può portare al manifestarsi di sintomi di vertigine, nausea, insonnia, ipervigilanza o affaticamento, mialgia, ansia e irritabilità.
I dati aneddotici hanno, inoltre, indicato che la sospensione della terapia può causare una maggiore sensibilità al dolore postoperatorio.

Lo studio retrospettivo ha incluso 530.416 adulti sottoposti a chirurgia maggiore dal 2006 al 2008 in 375 ospedali degli Stati Uniti.
Il 14% assumeva un farmaco SSRI nel periodo perioperatorio, più comunemente la Sertralina ( Zoloft ).

Oltre all’elevato rischio di mortalità, altri rischi sono risultati superiori: riammissione in ospedale a 30 giorni ( hazard ratio, HR=1.22 ), sanguinamento ( HR=1.09 ), numero di trasfusioni ( HR=1.10 ), durata della permanenza in ospedale ( rate ratio aggiustato, aRR=1.02 ).

Il rischio di aritmia ventricolare era inferiore tra gli utilizzatori di farmaci SSRI, rispetto al resto della coorte ( HR=0.89 ).

L'unica differenza significativa osservata con gli SSRI, rispetto agli altri antidepressivi, era la più lunga durata della permanenza ospedaliera.

Quando sono stati presi in considerazione solo i pazienti con una diagnosi di depressione o quelli che assumevano farmaci antidepressivi, il rischio di mortalità è risultato attenuato, ma è stato riscontrato il mantenimento di un più alto rischio di sanguinamento, di riammissione, e maggiore durata della permanenza in ospedale. ( Xagena2013 )

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2013

Psyche2013 Chiru2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

L'esposizione in utero agli inibitori della ricaptazione della serotonina ( SSRI ), ampiamente impiegati come farmaci antidepressivi, può aumentare il...


La disfunzione sessuale è comune con gli antidepressivi serotoninergici, inclusi gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI )...


Una meta-analisi di studi ha mostrato che il trattamento con un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina ( SSRI )...


L’analisi di dati aggregati di singoli pazienti è stata utilizzata per confrontare l'efficacia antidepressiva di Agomelatina ( Thymanax, Valdoxan )...


I pazienti che assumono Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) o la duplice terapia antiaggregante in combinazione con un inibitore selettivo...


Sulla base delle attuali evidenze gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) non possono essere raccomandati per...


I Ricercatori della Harvard School of Public Health di Boston, negli Stati Uniti, hanno condotto uno studio per valutare gli...


L’obiettivo dello studio era quello di valutare il rischio teratogeno della Paroxetina e della Fluoxetina, due farmaci SSRI ( inibitori...


Si ritiene che l’uso degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) in gravidanza, siano associati a rischio...