L’uso materno di farmaci SSRI non è associato a rischi significativi di difetti cardiaci congeniti

Si ritiene che l’uso degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) in gravidanza, siano associati a rischio di difetti cardiaci.

Ricercatori del National Birth Defects Prevention Study, hanno analizzato i dati di 9622 neonati con gravi difetti alla nascita e 4092 neonati di controllo. I dati sono stati ottenuti nel periodo 1997 e 2002.

Le madri dei neonati erano state intervistate telefonicamente riguardo all’esposizione a potenziali fattori di rischio, tra cui i farmaci, prima e durante la gravidanza.

L’esposizione ai farmaci SSRI è stata definita come trattamento con un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina da 1 mese prima del concepimento a 3 mesi dopo.

Non sono state riscontrate significative associazioni tra l’uso materno di antidepressivi SSRI durante la prima fase della gravidanza ed i difetti cardiaci congeniti.

L’uso materno di SSRI è risultato associato a anencefalia ( 214 neonati, 9 esposti; odds ratio aggiustato = 2.4 ), craniosinostosi ( 432 neonati, 24 esposti; odds ratio aggiustato = 2.5 ), e omfalocele ( 181 neonati, 11 esposti; odds ratio aggiustato = 2.8 ).

I dati dello studio, coordinato da Ricercatori dell’University of British Columbia a Vancouver in Canada e dei CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ) di Atlanta, hanno mostrato che l’assunzione da parte della madre di farmaci antidepressivi SSRI non è associata a rischi significativamente aumentati di difetti cardiaci congeniti. ( Xagena2007 )

Alwan SA et al, N Engl J Med 2007; 356: 2684-2692

Gyne2007 Farma2007 Psyche2007


Indietro

Altri articoli

L'esposizione in utero agli inibitori della ricaptazione della serotonina ( SSRI ), ampiamente impiegati come farmaci antidepressivi, può aumentare il...


La disfunzione sessuale è comune con gli antidepressivi serotoninergici, inclusi gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI )...


Uno studio osservazionale di ampie dimensioni ha dimostrato che i pazienti, sottoposti a intervento chirurgico, e che assumono un inibitore...


Una meta-analisi di studi ha mostrato che il trattamento con un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina ( SSRI )...


L’analisi di dati aggregati di singoli pazienti è stata utilizzata per confrontare l'efficacia antidepressiva di Agomelatina ( Thymanax, Valdoxan )...


I pazienti che assumono Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) o la duplice terapia antiaggregante in combinazione con un inibitore selettivo...


Sulla base delle attuali evidenze gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) non possono essere raccomandati per...


I Ricercatori della Harvard School of Public Health di Boston, negli Stati Uniti, hanno condotto uno studio per valutare gli...


L’obiettivo dello studio era quello di valutare il rischio teratogeno della Paroxetina e della Fluoxetina, due farmaci SSRI ( inibitori...