L’uso nel primo trimestre di gravidanza dei farmaci SSRI è associato ad un piccolo rischio di difetti alla nascita

Il rischio di difetti alla nascita dopo esposizione fetale agli inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina ( SSRI ) rimane controverso.

Uno studio, condotto da ricercatori dello Slone Epidemiology Center alla Boston University negli Stati Uniti, ha valutato le associazioni tra l’uso materno dei farmaci SSRI durante il primo trimestre ed il rischio di difetti alla nascita tra i 9.406 neonati in cui erano stati individuati difetti alla nascita e 5.860 neonati senza difetti alla nascita, partecipanti al Slone Epidemiology Center Birth Defects Study.

L’uso generale degli inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina non è risultato associato a rischi significativamente aumentati di craniosinostosi ( 115 soggetti; 2 esposti a SSRI; odds ratio = 0.8 ), omfalocele ( 127 soggetti; 3 esposti; odds ratio=1.4 ), oppure difetti cardiaci ( 3724 soggetti; 100 esposti; odds ratio=1.2 ).

Le analisi delle associazioni fra singoli farmaci SSRI e specifici difetti hanno mostrato significative associazioni tra l’uso di Sertralina ( Zoloft ) ed omfalocele ( odds ratio = 5.7; 3 soggetti esposti ) e difetti settali ( odds ratio=2; 13 soggetti esposti ) e tra l’uso di Paroxetina ( Paxil / Seroxat ) e di difetti di ostruzione del tratto di efflusso del ventricolo destro ( odds ratio = 3.3; 6 soggetti esposti ).

I rischi non sono risultati apprezzabili o significativamente aumentati per altri difetti oppure altri antidepressivi SSRI o non-SSRI.

I dati dello studio non hanno mostrato la presenza di rischi significativamente aumentati di craniosinostosi, omfalocele, o difetti cardiaci associati all’uso di SSRI.
Inoltre è emerso che singoli farmaci SSRI possono conferire un aumentato rischio per alcuni difetti specifici. Tuttavia i difetti specifici sono rari ed il rischio assoluto piccolo. ( Xagena2007 )

Louik C et al, N Eng J Med 2007; 356: 2675-2683

Gyne2007 Farma2007 Psyche2007


Indietro

Altri articoli

L'esposizione in utero agli inibitori della ricaptazione della serotonina ( SSRI ), ampiamente impiegati come farmaci antidepressivi, può aumentare il...


La disfunzione sessuale è comune con gli antidepressivi serotoninergici, inclusi gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI )...


Uno studio osservazionale di ampie dimensioni ha dimostrato che i pazienti, sottoposti a intervento chirurgico, e che assumono un inibitore...


Una meta-analisi di studi ha mostrato che il trattamento con un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina ( SSRI )...


L’analisi di dati aggregati di singoli pazienti è stata utilizzata per confrontare l'efficacia antidepressiva di Agomelatina ( Thymanax, Valdoxan )...


I pazienti che assumono Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) o la duplice terapia antiaggregante in combinazione con un inibitore selettivo...


Sulla base delle attuali evidenze gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) non possono essere raccomandati per...


I Ricercatori della Harvard School of Public Health di Boston, negli Stati Uniti, hanno condotto uno studio per valutare gli...


L’obiettivo dello studio era quello di valutare il rischio teratogeno della Paroxetina e della Fluoxetina, due farmaci SSRI ( inibitori...


Si ritiene che l’uso degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) in gravidanza, siano associati a rischio...