Studio MTA nei bambini affetti da ADHD: controversie sull’uso degli stimolanti


La sicurezza e l’efficacia dei farmaci impiegati nel trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività ( ADHD ) sono al centro di dibattito dopo che un nuovo studio ha mostrato che questi farmaci sono inefficaci, e probabilmente dannosi, nel lungo periodo.

Lo studio, noto come MTA ( Multimodal Treatment Study of Children with ADHD ), ha valutato se i bambini affetti da disturbo ADHD beneficiassero del trattamento farmacologico, del trattamento farmacologico associato a psicoterapia, della sola psicoterapia, o della sola cura medica di routine.

Gli studi pubblicati nel 1999 avevano mostrato che il trattamento con stimolanti aveva prodotto vantaggi rispetto alla psicoterapia o alla cura medica di routine.

Nel 2007 comparvero i primi dati di follow-up, senza mostrare differenze comportamentali tra i bambini trattati farmacologicamente e quelli no.
Fu osservato che i bambini sottoposti a farmacoterapia per 3 anni erano più bassi e più magri, rispetto ai bambini non-trattati.
Tuttavia il National Institute of Mental Health ( NIMH ) minimizzò gli effetti sulla crescita degli stimolanti per il disturbo ADHD.

La presentazione positiva dello studio MTA produsse un aumento prescrittivo dei farmaci contro il disturbo da deficit di attenzione e iperattività.
Le prescrizioni nei soli Stati Uniti passarono da 28.3 milioni nel 2004 a 39.5 milioni nel 2008.

Secondo William Pelham della State University of New York a Buffalo negli Stati Uniti, l’interpretazione più ovvia dei dati dello studio MTA è che gli stimolanti potrebbero essere utili nel breve periodo, ma inefficaci, e forse pericolosi, nel lungo periodo. ( Xagena2009 )

Fonte: Washington Post, 2009


Pedia2009 Farma2009 Psyche2009


Indietro

Altri articoli

Il disturbo da deficit di attenzione / iperattività ( ADHD ) viene diagnosticato in circa il 2.4% dei bambini in...


La maggior parte dei pazienti anemici con sindromi mielodisplastiche ( MDS ) senza delezione 5q a basso rischio è trattata...


Nuovi dati riguardanti la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione, associati alla somministrazione di farmaci stimolanti l'eritropoiesi (...


Lo scopo di uno studio è stato quello di determinare se gli utilizzatori di stimolanti sono a più alto rischio...


I pazienti in emodialisi, ricoverati in ospedale, che ricevono dosi più elevate di farmaci stimolanti la eritropoiesi possono raggiungere livelli...


I farmaci stimolanti l'eritropoiesi ( ESA ), riducono l'anemia nei pazienti affetti da tumore e potrebbero migliorare la loro qualità...


Gli agenti stimolanti la eritropoiesi ( ESA ) rappresentano una pietra miliare nella terapia della anemia nei pazienti con malattia...


Dal momento che la dipendenza da Cocaina e psicostimolanti è correlata a un maggiore rilascio di dopamina, sono stati provati...


Nel 2009 uno studio, pubblicato sull’Americal Journal of Psychiatry, aveva evidenziato potenziali rischi dei farmaci stimolanti, utilizzati per trattare il...


L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha informato gli operatori sanitari delle necessità di un dosaggio più conservativo quando...