Upadacitinib o Abatacept nell'artrite reumatoide


Upadacitinib ( Rinvoq ) è un inibitore selettivo della Janus chinasi ( JAK ) per via orale per il trattamento dell'artrite reumatoide.
L'efficacia e la sicurezza di Upadacitinib rispetto ad Abatacept ( Orencia ), un modulatore della co-stimolazione delle cellule T, nei pazienti con artrite reumatoide refrattaria ai farmaci antireumatici modificanti la malattia biologici ( bDMARD ) non sono ben definite.

In uno studio di 24 settimane, di fase 3, in doppio cieco, controllato, sono stati assegnati in modo casuale i pazienti a ricevere Upadacitinib orale 15 mg una volta al giorno oppure Abatacept per via endovenosa, ciascuno in combinazione con DMARD sintetici ( sDAMARD ) stabili.

L'endpoint primario era la variazione rispetto al basale nel punteggio composito di attività di malattia per 28 articolazioni sulla base del livello di proteina C-reattiva ( DAS28-CRP; intervallo, da 0 a 9.4, con punteggi più alti ad indicare una maggiore attività di malattia ) alla settimana 12, valutata per la non-inferiorità.

I principali endpoint secondari alla settimana 12 erano la superiorità di Upadacitinib rispetto ad Abatacept nella variazione rispetto al basale riguardo a DAS28-CRP e la percentuale di pazienti con remissione clinica secondo un DAS28-CRP inferiore a 2.6.

In totale 303 pazienti hanno ricevuto Upadacitinib e 309 pazienti hanno ricevuto Abatacept.

Dai valori DAS28-CRP al basale di 5.70 nel gruppo Upadacitinib e 5.88 nel gruppo Abatacept, la variazione media alla settimana 12 è stata rispettivamente di -2.52 e -2.00 ( differenza, -0.52 punti; P minore di 0.001 per la non-inferiorità; P minore di 0.001 per superiorità ).

La percentuale di pazienti che hanno avuto remissione è stata del 30.0% con Upadacitinib e del 13.3% con Abatacept ( differenza, 16.8 punti percentuali; P minore di 0.001 per la superiorità ).

Durante il periodo di trattamento, un decesso, un ictus non-fatale e due eventi tromboembolici venosi si sono verificati nel gruppo Upadacitinib, e più pazienti nel gruppo Upadacitinib rispetto al gruppo Abatacept hanno mostrato livelli elevati di aminotransferasi epatica.

Nei pazienti con artrite reumatoide refrattaria ai DMARD biologici, Upadacitinib è risultato superiore ad Abatacept nella variazione rispetto al basale riguardo a DAS28-CRP e nel raggiungimento della remissione alla settimana 12, ma è stato associato a eventi avversi più gravi.
Sono necessari studi più lunghi e più ampi per determinare l'effetto e la sicurezza di Upadacitinib nei pazienti con artrite reumatoide. ( Xagena2020 )

Rubbert-Roth A et al, N Engl J Med 2020; 383: 1511-1521

Reuma2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

C'è una forte motivazione dietro l'interferenza con la co-stimolazione dei linfociti T nel trattamento della malattia correlata alle immunoglobuline G...


La malattia acuta da trapianto contro l'ospite ( AGVHD ) grave ( grado 3-4 ) è una delle principali cause...


In uno studio di fase III, L'inibitore orale di JAK Upadacitinib ( Rinvoq ) è risultato più efficace del modulatore...


Abatacept ( Orencia ) è risultato ben tollerato dai pazienti con sclerosi sistemica cutanea diffusa precoce in uno studio di...


La remissione nell'artrite reumatoide rappresenta un efficace controllo della malattia e una riduzione dei sintomi, che può aiutare i pazienti...


Sono stati studiati gli effetti di Abatacept ( Orencia ) sull'attività della malattia e sulle caratteristiche di biopsia muscolare dei...


Sono state studiate la farmacocinetica, l'efficacia e la sicurezza del trattamento con Abatacept sottocutaneo ( Orencia ) per 24 mesi...


I farmaci anti-TNF-alfa ( fattore di necrosi tumorale ) e i nuovi farmaci biologici, Ustekinumab [ Stelara ] e Abacept...


È stata confrontata l'efficacia e la sicurezza di Abatacept ( Orencia ) per via endovenosa, un modulatore selettivo di costimolazione...