Pentraxina-3 come un marcatore dell'attività della malattia nell'arterite di Takayasu


Poiché la Pentraxina-3 ( PTX3 ) viene prodotta da cellule immunitarie e vascolari in risposta ai segnali proinfiammatori, potrebbe essere un biomarcatore utile per definire l'attività della malattia nei pazienti con arterite di Takayasu.

Sono stati confrontati i livelli di PTX3 in pazienti affetti da arterite di Takayasu con quelli di soggetti sani e infetti, ed è stata confrontata l'accuratezza dei livelli di PTX3 con quelli della proteina C-reattiva ( CRP ) e la velocità di sedimentazione eritrocitaria per distinguere la malattia attiva e la malattia inattiva.

A questo studio cross-sezionale, di non-intervento, condotto nel periodo 2005-2008, hanno partecipato 57 pazienti consecutivi affetti da arterite di Takayasu e attività della malattia nota, 57 controlli sani donatori di sangue e 15 pazienti con infezione acuta.

E' stata misurata l'attività della malattia in base a criteri clinici, ai livelli plasmatici di PTX3, proteina C-reattiva e velocità di eritrosedimentazione.

Un totale di 27 pazienti avevano arterite di Takayasu attiva, 30 avevano malattia inattiva.

I livelli di PTX3 erano più elevati nei pazienti con malattia in fase attiva ( mediana, maggiore di 2.14 ng/ml ) rispetto a quelli con malattia inattiva ( mediana, 0.63 ng/ml ) ed erano più alti rispetto ai pazienti sani ( mediana, 0.11 ng/ml ) o a quelli con infezione acuta ( mediana, 0.26 ng/ml ).

Un livello plasmatico di PTX3 di 1 ng/ml è stato più accurato della normale soglia di proteina C-reattiva o velocità di eritrosedimentazione per distinguere la malattia attiva da quella inattiva.

Una limitazione della studio è stata l'esclusione dei pazienti con status di malattia sconosciuto o ambiguo.

In conclusione, i livelli plasmatici di PTX3 potrebbero aiutare a distinguere l’arterite di Takayasu attiva e inattiva, ma non dovrebbero essere adottati per l'utilizzo clinico finché i risultati non saranno confermati in un più ampio spettro di pazienti della cui malattia non è nota l'attività o è dubbia prima del test. ( Xagena2011 )

Dagna L et al, Ann Intern Med 2011; 155: 425-433


Reuma2011 Diagno2011 MalRar2011


Indietro

Altri articoli

La combinazione di Tocilizumab ( RoActemra ) più un glucocorticoide a regime decrescente è efficace nel mantenere la remissione clinica...


La biopsia dell'arteria temporale è considerata il gold standard diagnostico per l'arterite a cellule giganti, nonostante circa il 39% dei...


Due studi randomizzati controllati hanno mostrato un effetto di risparmio di glucocorticoidi da parte di Tocilizumab ( RoActemra ) nei...


È stata studiata l'efficacia e la sicurezza dell'anticorpo contro il recettore dell' interleuchina-6 ( IL-6 ) Tocilizumab ( RoActemra )...


Si sospetta che le alterazioni nel sistema immunitario e le infezioni possano aumentare la suscettibilità all'arterite a cellule giganti (...


Studi istopatologici hanno indicato l'herpes zoster ( HZ ) come un fattore causale di arterite a cellule giganti ( GCA...


A causa dell'ampia variazione nel decorso dell'arterite di Takayasu, prevedere l’esito è difficile. Sono stati valutati i risultati a lungo termine...


RoActemra è un medicinale impiegato per il trattamento di: • adulti affetti da artrite reumatoide in forma grave e in fase...


Nella maggior parte dei pazienti con vasculite necrotizzante sistemica non-grave, la remissione è ottenuta con i glucocorticoidi da soli, ma...


Nel corso del Congresso annuale dell’American College of Rheumatology ( ACR ), sono stati presentati i risultati dello studio di...