Diminuzione e interruzione del trattamento nei pazienti con artrite reumatoide in remissione stabile: studio RETRO


A causa dell'aumento dei tassi di remissione, la gestione dei pazienti con artrite reumatoide in remissione prolungata è di crescente interesse.

Lo studio RETRO ( Rheumatoid Arthritis in Ongoing Remission ) ha studiato la riduzione e la sospensione dei farmaci antireumatici modificanti la malattia ( DMARD ) nei pazienti con artrite reumatoide in remissione stabile per verificare se la remissione potesse essere mantenuta senza la necessità di assumere la terapia DMARD nonostante l'assenza di sintomi.

RETRO era uno studio di fase 3 multicentrico, prospettico, randomizzato, controllato, in aperto, a gruppi paralleli in pazienti di almeno 18 anni con artrite reumatoide da almeno 12 mesi prima della randomizzazione, che avevano un punteggio DAS ( Disease Activity Score ) sostenuto utilizzando 28 articolazioni con remissione della velocità di eritrosedimentazione ( VES ) ( punteggio inferiore a 2.6 unità ).

I pazienti idonei sono stati reclutati consecutivamente da 14 ospedali tedeschi o studi di reumatologia e assegnati in modo casuale senza stratificazione e indipendentemente dal trattamento di base a continuare la dose di DMARD al 100% ( gruppo di continuazione ), ridurre al 50% la dose di DMARD ( gruppo di riduzione ), o assumere la dose al 50% di DMARD per 6 mesi prima di interrompere i DMARD ( gruppo di interruzione ).

I pazienti sono stati valutati ogni 3 mesi e sottoposti a screening per l'attività della malattia e la recidiva.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti in remissione DAS28-ESR sostenuta senza recidiva a 12 mesi.

Tra il 2010 e il 2018, 303 pazienti sono stati arruolati e assegnati a continuare ( n=100 ), diminuire ( n=102 ) o interrompere i DMARD ( n=101 ).
Sono stati analizzati 282 pazienti su 303 ( 93% ) ( 93 su 100, 93%, per la continuazione, 93 su 102, 91%, per la riduzione e 96 su 101, 95%, per l'interruzione ).

La remissione è stata mantenuta a 12 mesi per l’81.2% nel gruppo di continuazione, del 58.6% nel gruppo di riduzione e del 43.3% nel gruppo di interruzione ( P=0.0005 ).
Gli hazard ratio ( HR ) per la recidiva sono stati 3.02 ( P=0.0003 ) per il gruppo di riduzione e 4.34 ( P minore di 0.0001 ) per il gruppo di interruzione, in confronto con il gruppo di continuazione.

La maggior parte dei pazienti con recidiva ha riacquistato la remissione dopo la reintroduzione di DMARD con dose al 100%.

Eventi avversi gravi si sono verificati in 10 pazienti su 93 ( 11% ) nel gruppo di continuazione, in 7 pazienti su 93 ( 8% ) nel gruppo con riduzione e in 13 pazienti su 96 ( 14% ) nel gruppo di interruzione.
Nessuno è stato considerato correlato all'intervento.
Il tipo più frequente di evento avverso grave era rappresentato da lesioni o complicazioni procedurali ( n=9 ).

La riduzione dei farmaci antireumatici nei pazienti con artrite reumatoide in remissione stabile è fattibile, con il mantenimento della remissione che si verifica in circa la metà dei pazienti.

Poiché i tassi di recidiva sono risultati significativamente più alti nei pazienti che hanno ridotto o interrotto i farmaci antireumatici rispetto ai pazienti che hanno continuato con una dose al 100%, tali approcci richiederanno uno stretto monitoraggio dell'attività della malattia.

Tuttavia, la remissione è stata riguadagnata dopo la reintroduzione dei trattamenti antireumatici nella maggior parte di coloro che hanno avuto recidive in questo studio.
Questi risultati potrebbero aiutare a prevenire il sovratrattamento in un numero considerevole di pazienti con artrite reumatoide. ( Xagena2021 )

Tascilar K et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 767-777

Reuma2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Sono stati presentati i risultati degli endpoint co-primari di uno studio sulla sicurezza post-marketing, richiesto dalla FDA, completato di recente,...



Dosi giornaliere di glucocorticoidi di 5 mg o più durante i precedenti 6 o 12 mesi sono associate a un...


L'artrite reumatoide ( AR ), insieme all'uso dei glucocorticoidi, è associata a malattie cardiovascolari. La sicurezza cardiovascolare dei glucocorticoidi nell'artrite reumatoide...


È stato dimostrato che la stimolazione del nervo vago con un dispositivo impiantato migliora la gravità dell'artrite reumatoide. Sono state...


Una gamma di anticorpi anti-proteine ​​modificate ( AMPA ) è associata all'artrite reumatoide. È stata valutata la relazione tra i...


Jyseleca è un medicinale per il trattamento di adulti affetti da artrite reumatoide da moderata a grave, una malattia in...


La terapia con corticosteroidi e i tradizionali fattori di rischio cardiovascolare sono stati associati al peggioramento dell'aterosclerosi subclinica. Nei pazienti con...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore selettivo orale della Janus chinasi ( JAK ) 1 e JAK2, approvato per...