Apixaban o antagonisti della vitamina K e Aspirina o placebo in base alla funzione renale in pazienti con fibrillazione atriale dopo sindrome coronarica acuta o intervento coronarico percutaneo: studio AUGUSTUS


Nello studio AUGUSTUS ( An Open-Label, 2x2 Factorial, Randomized Controlled, Clinical Trial to Evaluate the Safety of Apixaban Versus Vitamin K Antagonist and Aspirin Versus Aspirin Placebo in Patients With Atrial Fibrillation and Acute Coronary Syndrome or Percutaneous Coronary Intervention ), Apixaban ( Eliquis ) ha provocato meno sanguinamenti e meno ricoveri rispetto agli antagonisti della vitamina K, e l'Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] ha causato più sanguinamenti rispetto al placebo nei pazienti con fibrillazione atriale e sindrome coronarica acuta o intervento coronarico percutaneo trattati con un inibitore P2Y12.

È stato valutato il rapporto rischio-beneficio della terapia antitrombotica in base alla funzione renale.
Su 4.456 pazienti, è stata utilizzata la formula CKD-EPI ( Chronic Kidney Disease Epidemiology Collaboration ) per calcolare la velocità di filtrazione glomerulare stimata al basale ( eGFR ).
L'effetto di Apixaban rispetto agli antagonisti della vitamina K e dell'Aspirina rispetto al placebo è stato valutato attraverso le categorie di funzionalità renale utilizzando modelli di Cox.

L'esito primario era il sanguinamento maggiore o non-maggiore clinicamente rilevante secondo ISTH ( International Society on Thrombosis and Haemostasis ).
Gli esiti secondari includevano morte o ospedalizzazione ed eventi ischemici ( morte, ictus, infarto miocardico, trombosi dello stent accertata o probabile o rivascolarizzazione urgente ).

La clearance della creatinina inferiore a 30 ml/min era un criterio di esclusione nello studio AUGUSTUS.

Complessivamente, il 30%, il 52% e il 19% avevano un valore di eGFR superiore a 80, da superiore a 50 a 80 e da 30 a 50 ml x min-1 x 1.73 m-2, rispettivamente.

Al follow-up a 6 mesi, si erano verificati in totale 543 esiti primari di sanguinamento, 1.125 decessi o ricoveri e 282 eventi ischemici.

Rispetto agli antagonisti della vitamina K, i pazienti assegnati ad Apixaban hanno presentato tassi inferiori per tutti e tre gli esiti nella maggior parte delle categorie di eGFR senza interazioni significative.

La riduzione del rischio assoluto con Apixaban è stata più pronunciata nei pazienti con eGFR da 30 a 50 ml x min-1 x 1.73 m-2 per eventi di sanguinamento con tassi del 13.1% versus 21.3% ( hazard ratio, HR=0.59 ).

I pazienti a cui è stata assegnata l'Aspirina hanno avuto un rischio più elevato di sanguinamento in tutte le categorie di eGFR con un aumento ancora maggiore tra quelli con eGFR superiore a 80 ml x min-1 x 1.73 m-2: 16.6% rispetto a 5.6% ( HR=3.22; P per interazione=0.007 ).

Il rischio di morte o ospedalizzazione e gli eventi ischemici sono stati paragonabili tra Aspirina e al placebo nelle categorie di eGFR con hazard ratio compresi tra 0.97 e 1.28 e da 0.75 a 1.34, rispettivamente.

La sicurezza e l'efficacia di Apixaban non erano correlate alla funzione renale, rispetto al Warfarin, e in accordo con i risultati complessivi dello studio.
Il rischio di sanguinamento con l'Aspirina è stato costantemente più alto in tutte le categorie di funzionalità renale. ( Xagena2021 )

Hijazi Z et al, Circulation 2021; 143: 1215-1223

Cardio2021 Nefro2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Da uno studio di coorte osservazionale, è emerso che tra i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 in forma moderata,...


La policitemia vera è associata a un aumentato rischio di trombosi ed emorragia. L'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ), raccomandata per...


Da uno studio randomizzato di fase 3 è emerso che l'uso di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) non ha prolungato...


I benefici di Ticagrelor ( Brilique ) e di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) hanno superato il rischio di emorragia...


La doppia terapia antiaggregante abbreviata seguita da un potente inibitore del recettore P2Y12 in monoterapia riduce il sanguinamento senza aumentare...


Un precedente ampio studio randomizzato ha indicato che la terapia con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico; ASA ) a basse dosi...


In studi randomizzati controllati, è stato dimostrato che i trattamenti combinati a dose fissa o polipillole riducono un composito di...


Circa un terzo dei pazienti che ricevono anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per il trattamento della fibrillazione atriale e/o...


La sepsi è un grave problema di salute globale e una delle principali cause di morte e disabilità. La disponibilità...