Aspirina versus Clopidogrel per la monoterapia di mantenimento cronica dopo intervento coronarico percutaneo: studio HOST-EXAM


La monoterapia antipiastrinica ottimale durante il periodo di mantenimento cronico nei pazienti sottoposti a stent coronarico non è nota. Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) e del Clopidogrel ( Plavix ) in monoterapia in questa popolazione.

È stato condotto uno studio multicentrico, prospettico, randomizzato, in aperto, presso 37 siti di studio in Corea del Sud.
Sono stati arruolati pazienti di almeno 20 anni che hanno mantenuto la doppia terapia antiaggregante senza eventi clinici per 6-18 mesi dopo intervento coronarico percutaneo con stent a rilascio di farmaco ( DES ).

Sono stati esclusi i pazienti con complicanze ischemiche ed emorragiche maggiori.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere in monoterapia Clopidogrel 75 mg una volta al giorno oppure Aspirina 100 mg una volta al giorno per 24 mesi.

L'endpoint primario era un composito di morte per tutte le cause, infarto miocardico non-fatale, ictus, riammissione per sindrome coronarica acuta e sanguinamento di tipo 3 o superiore secondo i criteri BARC ( Bleeding Academic Research Consortium ), nella popolazione intent-to-treat.

Tra il 2014 e il 2018 sono stati arruolati 5.530 pazienti. 5.438 pazienti ( 98.3% ) sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Clopidogrel ( 2.710, 49.8% ) o al gruppo Aspirina ( 2.728, 50.2% ).
L'accertamento dell'endpoint primario è stato completato in 5.338 ( 98.2% ) pazienti.

Durante il follow-up di 24 mesi, l'esito primario si è verificato in 152 pazienti ( 5.7% ) nel gruppo Clopidogrel e 207 ( 7.7% ) nel gruppo Aspirina ( hazard ratio, HR=0.73; P=0.0035 ).

La monoterapia con Clopidogrel, rispetto alla monoterapia con Aspirina durante il periodo di mantenimento cronico dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ) con stent a rilascio di farmaci ( DES ), ha ridotto significativamente il rischio composito di morte per tutte le cause, infarto miocardico non-fatale, ictus, riammissione per sindrome coronarica acuta e sanguinamento di tipo BARC 3 o superiore.

Nei pazienti che richiedevano una monoterapia antipiastrinica indefinita dopo intervento coronarico percutaneo, la monoterapia con Clopidogrel è risultata superiore alla monoterapia con Aspirina nella prevenzione di futuri eventi clinici avversi. ( Xagena2021 )

Koo BK et al, Lancet 2021; 397: 2487-2496

Cardio2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Da uno studio di coorte osservazionale, è emerso che tra i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 in forma moderata,...


Da uno studio randomizzato di fase 3 è emerso che l'uso di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) non ha prolungato...


I benefici di Ticagrelor ( Brilique ) e di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) hanno superato il rischio di emorragia...


La doppia terapia antiaggregante abbreviata seguita da un potente inibitore del recettore P2Y12 in monoterapia riduce il sanguinamento senza aumentare...


Un precedente ampio studio randomizzato ha indicato che la terapia con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico; ASA ) a basse dosi...


In studi randomizzati controllati, è stato dimostrato che i trattamenti combinati a dose fissa o polipillole riducono un composito di...


Circa un terzo dei pazienti che ricevono anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per il trattamento della fibrillazione atriale e/o...


La sepsi è un grave problema di salute globale e una delle principali cause di morte e disabilità. La disponibilità...


Nello studio AUGUSTUS ( An Open-Label, 2x2 Factorial, Randomized Controlled, Clinical Trial to Evaluate the Safety of Apixaban Versus Vitamin...


I pazienti con arteriopatia periferica che richiedono la rivascolarizzazione degli arti inferiori ( LER ) sono ad alto rischio di...