L'uso quotidiano di Aspirina non riduce il rischio di recidiva del cancro al seno


Da uno studio randomizzato di fase 3 è emerso che l'uso di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) non ha prolungato la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) invasiva tra i pazienti con cancro al seno.

Sebbene l'infiammazione possa svolgere un ruolo nella progressione tumorale, l'Aspirina non è raccomandata per la prevenzione delle recidive del cancro alla mammella.

I ricercatori hanno avviato uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, sull'Aspirina dopo il cancro al seno per determinare i benefici e i rischi associati alla terapia adiuvante con Aspirina per le persone sopravvissute al cancro al seno.

Prove in vitro e in vivo avevano indicato che l'Aspirina può avere un effetto antitumorale e diversi studi epidemiologici avevano mostrato una sopravvivenza più lunga tra i pazienti con cancro al seno che facevano uso in modo regolare dell'Aspirina rispetto ai non-utilizzatori.
Inoltre, i dati aggregati di studi randomizzati sull'Aspirina per le malattie cardiovascolari avevano mostrato una diminuzione del rischio di cancro metastatico tra i consumatori di Aspirina.

L'analisi ha incluso 3.021 partecipanti di età compresa tra 18 e 70 anni con diagnosi di carcinoma mammario invasivo primario HER2-negativo, arruolate nel periodo 2017-2020.

I tumori delle donne con malattia positiva al recettore ormonale ( HR+ ) dovevano avere linfonodi positivi e diagnosticati negli ultimi 10 anni; i tumori delle donne con malattia negativa al recettore ormonale ( HR- ) potevano avere linfonodi positivi o malattia T2-4N0 e diagnosticati negli ultimi 18 mesi.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale con un rapporto 1:1 a 300 mg di Aspirina al giorno ( n = 1.511; 82.1% bianca ) oppure placebo ( n = 1.510; 81.5% bianca ) per 5 anni.
I ricercatori hanno stratificati in base allo stato del recettore ormonale, indice di massa corporea ( BMI ) ( inferiore o uguale a 30 kg/m2 ) e stadio ( II versus III ).

L'endpoint primario era rappresentato dall'effetto dell'Aspirina rispetto al placebo sulla sopravvivenza libera da malattia invasiva.
Gli endpoint secondari includevano effetti su sopravvivenza globale ( OS ), malattie cardiovascolari, tossicità e aderenza.

I risultati hanno mostrato 191 eventi di sopravvivenza libera da malattia invasiva ( 107 con Aspirina, 84 con placebo ) a un follow-up mediano di 20 mesi.
L'hazard ratio ( HR ) stratificato è stato pari a 1.27 ( z-score, 1.64 ) confrontando l'Aspirina con il placebo, superando l'hazard ratio prespecificato per futilità ( 1.03; z-score, 0.19 ).

Non sono state riscontrate differenze nella frequenza degli eventi di grado 3 e 4 tra i due gruppi.

E' stata riportata un'elevata compliance in entrambi i gruppi e un uso simile, senza protocollo di Aspirina o altri farmaci antinfiammatori non-steroidei [ FANS ] ( inferiore al 14% ), coerente con i precedenti studi randomizzati sull'Aspirina. ( Xagena2022 )

Fonte: ASCO Plenary Series, 2022

Gyne2022 Onco2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

Da uno studio di coorte osservazionale, è emerso che tra i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 in forma moderata,...


La policitemia vera è associata a un aumentato rischio di trombosi ed emorragia. L'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ), raccomandata per...


I benefici di Ticagrelor ( Brilique ) e di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) hanno superato il rischio di emorragia...


La doppia terapia antiaggregante abbreviata seguita da un potente inibitore del recettore P2Y12 in monoterapia riduce il sanguinamento senza aumentare...


Un precedente ampio studio randomizzato ha indicato che la terapia con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico; ASA ) a basse dosi...


In studi randomizzati controllati, è stato dimostrato che i trattamenti combinati a dose fissa o polipillole riducono un composito di...


Circa un terzo dei pazienti che ricevono anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per il trattamento della fibrillazione atriale e/o...


La sepsi è un grave problema di salute globale e una delle principali cause di morte e disabilità. La disponibilità...


Nello studio AUGUSTUS ( An Open-Label, 2x2 Factorial, Randomized Controlled, Clinical Trial to Evaluate the Safety of Apixaban Versus Vitamin...