Pazienti ospedalizzati con COVID-2019: l'Aspirina è associata a diminuzione della ventilazione meccanica, ricovero in Unità di terapia intensiva e mortalità ospedaliera


La malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) è associata a ipercoagulabilità e aumento del rischio trombotico nei pazienti critici.
Nessuno studio ha valutato se l'uso di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) è associato a un ridotto rischio di ventilazione meccanica, ricovero in Unità di terapia intensiva ( UTI ) e mortalità in ospedale.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo e osservazionale su pazienti adulti ricoverati con COVID-19 in più ospedali negli Stati Uniti tra marzo e luglio 2020.

L'outcome primario era la necessità di ventilazione meccanica. Gli esiti secondari erano il ricovero in terapia intensiva e la mortalità intraospedaliera.

Un totale di 412 pazienti sono stati inclusi nello studio. 314 pazienti ( 76.3% ) non avevano ricevuto Aspirina, mentre 98 pazienti ( 23.7% ) avevano ricevuto Aspirina entro 24 ore dal ricovero o 7 giorni prima del ricovero.

L'uso di Aspirina è risultato associato a una minore ventilazione meccanica ( 35.7% Aspirina vs 48.4% non-Aspirina, P = 0.03 ) e ricovero in terapia intensiva ( 38.8% Aspirina vs 51.0% non-Aspirina, P = 0.04 ), ma nessuna associazione con la mortalità ospedaliera ( 26.5% Aspirina versus 23.2% non-Aspirina, P = 0.51 ).

Dopo aggiustamento per otto variabili confondenti, l'uso di Aspirina è stato associato indipendentemente a un ridotto rischio di ventilazione meccanica ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.56, intervallo di confidenza [ IC ] 95%, 0.37-0.85, P = 0.007 ), ricovero in terapia intensiva ( aHR=0.57, IC 95%, 0.38-0.85, P = 0.005 ) e mortalità ospedaliera ( aHR=0.53, IC 95%, 0.31-0.90, P = 0.02 ).

Non ci sono state differenze di sanguinamento maggiore ( P = 0.69 ) o trombosi conclamata ( P = 0.82 ) tra utilizzatori di Aspirina e non-utilizzatori di Aspirina.

In conclusione, l'uso di Aspirina può essere associato a risultati migliori nei pazienti ospedalizzati con COVID-19.
Tuttavia, è necessario uno studio controllato e randomizzato sufficientemente potente per valutare se esiste una relazione causale tra l'uso di Aspirina e la riduzione del danno polmonare e della mortalità nei pazienti affetti da COVID-19. ( Xagena2021 )

Chow JH et al, Anesthesia & Analgesia 2021;132: 930-941

Inf2021 Med2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Da uno studio di coorte osservazionale, è emerso che tra i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 in forma moderata,...


Da uno studio randomizzato di fase 3 è emerso che l'uso di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) non ha prolungato...


I benefici di Ticagrelor ( Brilique ) e di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) hanno superato il rischio di emorragia...


La doppia terapia antiaggregante abbreviata seguita da un potente inibitore del recettore P2Y12 in monoterapia riduce il sanguinamento senza aumentare...


Un precedente ampio studio randomizzato ha indicato che la terapia con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico; ASA ) a basse dosi...


In studi randomizzati controllati, è stato dimostrato che i trattamenti combinati a dose fissa o polipillole riducono un composito di...


Circa un terzo dei pazienti che ricevono anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per il trattamento della fibrillazione atriale e/o...


La sepsi è un grave problema di salute globale e una delle principali cause di morte e disabilità. La disponibilità...


Nello studio AUGUSTUS ( An Open-Label, 2x2 Factorial, Randomized Controlled, Clinical Trial to Evaluate the Safety of Apixaban Versus Vitamin...


I pazienti con arteriopatia periferica che richiedono la rivascolarizzazione degli arti inferiori ( LER ) sono ad alto rischio di...