Malattia arteriosa periferica: l’angio-TC appare accurata nei pazienti con claudicatio intermittens


L’angioTC ( angiografia mediante tomografia computerizzata ) è una metodica di diagnosi per immagini molto interessante per valutare la malattia arteriosa periferica delle estremità inferiori.

Un gruppo di Ricercatori olandesi ha compiuto un’analisi della letteratura per determinare l’accuratezza della angioTC rispetto alla angiografia a sottrazione digitale ( DSA ) intra-arteriosa nell’identificare l’estensione della malattia nei pazienti con malattia arteriosa periferica.

Gli studi idonei per essere inclusi nell’analisi dovevano comfrontare l’angio-TC multidetector con la DSA intra-arteriosa, includevano almeno 10 pazienti con claudicazione intermittente o ischemia critica dell’arto, avevano come obiettivo quello di identificare oltre il 50% delle stenosi o occlusioni arteriose, e presentavano tabelle di contingenza 2x2 o 3x3 ( stenosi maggiore o uguale a 50% vs stenosi maggiore di 50% o occlusione ) o comunque fornivano i dati necessari per costruirle.

Dei 909 studi identificati, 20 ( 2.2% ) rispettavano i criteri di inclusione. Questi 20 studi avevano una dimensione mediana del campione pari a 33 ( range da 16 a 279 ), per un totale di 957 pazienti, soprattutto con claudicatio intermittens ( 68% ).

La qualità metodologica è stata definita moderata.

In generale, la sensibilità della angioTC nell’identificare oltre il 50% delle stenosi o delle occlusioni è risultata pari al 95% e la specificità al 96%.

L’ angiografia mediante tomografia computerizzata ha identificato in maniera corretta le occlusioni nel 94% dei segmenti, la presenza di oltre il 50% di stenosi nell’87% dei segmenti e l’assenza di stenosi significative nel 96% dei segmenti.

Sovrastime si sono verificate nell’8% dei segmenti e sottostime nel 15%.

In conclusione, l’angioTC è una metodologia accurata per valutare la presenza e l’estensione di malattia arteriosa periferica nei pazienti con claudicazione intermittente; tuttavia, data la debolezza metodologica degli studi presi in esame, queste conclusioni non possono essere considerate definitive. ( Xagena2009 )

Met R et al, JAMA 2009; 301: 415-424


Cardio2009 Diagno2009


Indietro

Altri articoli

L’esercizio supervisionato è raccomandato come trattamento di prima linea per la claudicatio intermittens ( claudicazione intermittente ). La terapia di...


Il Comitato scientifico ( CHMP ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha raccomandato che l'uso dei medicinali contenenti Cilostazolo...


Il Cilostazolo è un farmaco che viene utilizzato per migliorare la distanza percorsa a piedi nei pazienti con claudicatio intermittens...


Circa un terzo dei pazienti con malattia arteriosa periferica vanno incontro a claudicazione intermittente, con conseguente perdita di qualità della...


La claudicatio intermittens ( claudicazione intermittente ) è un sintomo della malattia occlusiva arteriosa periferica ed è associata ad alta...


La terapia farmacologica per la claudicatio intermittens nei pazienti con malattia arteriosa periferica presenta dei limiti. Ricercatori del Brigham...


Cilostazolo ( Pletal ) migliora la distanza a piedi nei pazienti con claudicatio intermittens e riduce la ristenosi dopo intervento...


Il Cilostazolo, il principio attivo di Pletal, permette di aumentare la distanza percorsa a piedi senza dolore e la distanza...


Il fattore GM-CSF ( fattore di crescita dei granulociti e dei macrofagi ) ha dimostrato di aumentare l’indice di flusso...