Nessun effetto benefico di GM-CSF nei pazienti con claudicatio intermittens


Il fattore GM-CSF ( fattore di crescita dei granulociti e dei macrofagi ) ha dimostrato di aumentare l’indice di flusso collaterale nei pazienti con malattia coronarica.

Modelli sperimentali hanno mostrato effetti benefici di GM-CSF sulla crescita dell’arteria collaterale nella circolazione periferica.

Lo studio START ( Stimulation of ARTeriogenesis Using Subcutaneous Application of Granulocyte-Macroplage Colony-Stimulating Factor as a New Treatment for Peripheral Vascular Disease ) ha valutato gli effetti di GM-CSF nei pazienti con malattia arteriosa periferica.

Lo studio è stato condotto su 40 pazienti con claudicatio intermittens, da moderata a grave.

I pazienti sono stati trattati con placebo o con GM-CSF ( 10 microg/kg ) per via sottocutanea, per un periodo di 14 giorni ( 7 iniezioni in totale ).

Il trattamento con GM-CSF ha portato ad un forte aumento nella conta dei leucociti e della proteina C reattiva.

La frazione dei monociti è inizialmente aumentata ma successivamente si è ridotta in modo significativo rispetto al basale.

Sia i pazienti del gruppo placebo che quelli che hanno ricevuto il fattore di crescita hanno mostrato un aumento significativo nel test della distanza a piedi al giorno 14 e al giorno 90.

Le variazioni nel tempo di percorrenza, l’end point primario dello studio, non sono risultate differenti tra i due gruppi.

Nessun cambiamento è stato osservato nell’indice brachiale-caviglia dopo trattamento con GM-CSF al giorno 14 e al giorno 90.

Le misurazioni di flussimetria laser Doppler hanno mostrato una riduzione significativa nella riserva di flusso microcircolatoria nel gruppo controllo, ma nessun cambiamento nel gruppo GM-CSF.

In questo studio, la somministrazione di GM-CSF nel trattamento dei pazienti con claudicatio intermittens, moderata-grave, non ha prodotto benefici. ( Xagena2005 )

van Royen N et al, Circulation 2005; 112: 1040-1046

Cardio2005 Farma2005


Indietro

Altri articoli

L’esercizio supervisionato è raccomandato come trattamento di prima linea per la claudicatio intermittens ( claudicazione intermittente ). La terapia di...


Il Comitato scientifico ( CHMP ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha raccomandato che l'uso dei medicinali contenenti Cilostazolo...


Il Cilostazolo è un farmaco che viene utilizzato per migliorare la distanza percorsa a piedi nei pazienti con claudicatio intermittens...


Circa un terzo dei pazienti con malattia arteriosa periferica vanno incontro a claudicazione intermittente, con conseguente perdita di qualità della...


La claudicatio intermittens ( claudicazione intermittente ) è un sintomo della malattia occlusiva arteriosa periferica ed è associata ad alta...


La terapia farmacologica per la claudicatio intermittens nei pazienti con malattia arteriosa periferica presenta dei limiti. Ricercatori del Brigham...


L’angioTC ( angiografia mediante tomografia computerizzata ) è una metodica di diagnosi per immagini molto interessante per valutare la malattia...


Cilostazolo ( Pletal ) migliora la distanza a piedi nei pazienti con claudicatio intermittens e riduce la ristenosi dopo intervento...


Il Cilostazolo, il principio attivo di Pletal, permette di aumentare la distanza percorsa a piedi senza dolore e la distanza...