Farmaci antinfiammatori non-steroidei e rischio di tumore cutaneo non-melanoma


Ai farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) è stato assegnato un ruolo promettente nella chemioprevenzione di vari tumori maligni.
Tuttavia, i dati epidemiologici sulla associazione tra uso di farmaci antinfiammatori e tumore della pelle non-melanoma sono limitati.

Uno studio ha esaminato se i pazienti regolarmente esposti ai farmaci antinfiammatori sistemici presentavano un rischio ridotto di carcinoma basocellulare o carcinoma a cellule squamose.

È stata effettuata una analisi caso-controllo su popolazione utilizzando il Clinical Practice Research Datalink, un database britannico di cure primarie.

Sono stati identificati 65.398 pazienti con carcinoma a cellule basali e 7.864 pazienti con carcinoma a cellule squamose, diagnosticati tra il 1995 e il 2013 e sono stati appaiati 1 e 4 controlli senza tumore cutaneo non-melanoma, rispettivamente, a ciascun caso con carcinoma a cellule basali e carcinoma a cellule squamose.

Una analisi di regressione logistica condizionale multivariata ha messo a confronto una precedente esposizione ai farmaci antinfianmmatori tra casi e controlli con aggiustamento per diversi potenziali fattori di confondimento.

In generale, non è stata riscontrata alcuna associazione tra uso di farmaci antinfiammatori e carcinoma a cellule basali; quando è stata fatta un'analisi dell'esposizione a singoli farmaci antinfiammatori è emersa una indicazione di ridotto rischio di carcinoma a cellule basali tra gli utilizzatori regolari di Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) e Ibuprofene ( odds ratio aggiustato, aOR=0.92; aOR=0.61, rispettivamente ).

Il rischio di carcinoma a cellule squamose è risultato leggermente diminuito tra gli utilizzatori abituali di qualsiasi farmaco antinfiammatorio ( aOR=0.89 ), con una riduzione maggiore del rischio tra gli utilizzatori abituali dei coxib ( aOR=0.77 ).

Questi risultati forniscono l'evidenza che i pazienti predisposti a tumore cutaneo non-melanoma potrebbero beneficiare del ruolo chemioprotettivo dei farmaci antinfiammatori non-steroidei. ( Xagena2015 )

Reinau D et al, Int J Cancer 2015; 137:144-153

Dermo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro

Altri articoli

All'inizio della pandemia era stato ipotizzato che l'uso preesistente di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) potesse portare a un...


Farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), soluzioni per via endovenosa, stent pancreatici o combinazioni di questi sono stati valutati in...


La pancreatite è la complicanza più comune della colangiopancreatografia retrograda endoscopica ( ERCP ). La somministrazione profilattica rettale di farmaci...


L'EMA ( European Medicines Agency ) è venuta a conoscenza di segnalazioni, in particolare dai social media, che sollevano dubbi...


L'obiettivo di uno studio è stato quello di identificare se l'uso attivo di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) aumenti...


L'uso continuo di FANS ( farmaci antinfiammatori non-steroidei ) per il trattamento della spondilite anchilosante è associato a un aumentato...


Si è valutato se la somministrazione di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) post-partum sia associata a un aumento della...


Circa il 67% dell'elevato rischio di malattia cardiovascolare associato a pazienti con osteoartrosi è attribuito all'uso dei farmaci antinfiammatori...


I farmaci antinfiammatori non steroidei ( FANS ) sono fondamentali nella gestione del dolore da osteoartrosi. È stata valutata l'efficacia di...


Uno studio compiuto negli Stati Uniti su pazienti trattati con farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), ha mostrato che quelli...