Farmaci antinfiammatori non-steroidei e suscettibilità al COVID‐19


L'obiettivo di uno studio è stato quello di identificare se l'uso attivo di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) aumenti la suscettibilità allo sviluppo di COVID-19, sospetto o confermato, rispetto all'uso di altri comuni analgesici.

E' stato condotto uno studio di coorte abbinato al punteggio di propensione con comparatori attivi utilizzando un ampio set di dati di assistenza primaria nel Regno Unito.
La coorte era composta da pazienti adulti di età pari o superiore a 18 anni con diagnosi di artrosi, seguiti dal 30 gennaio al 31 luglio 2020.

I pazienti a cui era stato prescritto un FANS ( escluse le preparazioni topiche ) sono stati confrontati con quelli a cui era stato prescritto Co-Codamolo ( Paracetamolo e Codeina ) o Codidramolo ( Paracetamolo e Diidrocodeina ).

Sono stati identificati 13.202 pazienti a cui sono stati prescritti FANS rispetto ai 12.457 che hanno prescritto i farmaci di confronto.

L'outcome primario era la documentazione di COVID-19 sospetto o confermato, mentre la misura dell'outcome secondario era la mortalità per qualsiasi causa.

Durante il follow-up, i tassi di incidenza di COVID-19 sospetto / confermato sono stati, rispettivamente, 15.4 e 19.9 per 1000 anni-persona nei gruppi esposti ai FANS e di confronto.

Gli hazard ratio ( HR ) aggiustati nelle analisi senza eguali e con punteggio di propensione abbinato per le consultazioni di cure primarie con COVID‐19 sospetto / confermato erano 0.82 ( IC 95%, 0.62-1.10 ) e 0.79 ( IC 95%, 0.57-1.11 ), rispettivamente, e per la mortalità successiva erano 0.97 ( IC 95%, 0.75-1.27 ) e 0.85 ( IC 95%, 0.61-1.20 ).

Non è stata riscontrata alcuna modifica dell'effetto per età o sesso.

In conclusione, non è stato osservato un aumento del rischio di COVID‐19, sospetto o confermato, o di mortalità tra i pazienti in cura primaria con osteoartrosi a cui erano stati prescritti FANS rispetto ai farmaci di confronto.
Questi risultati sono rassicuranti e suggeriscono che in assenza di malattia acuta, i FANS possono essere prescritti in modo sicuro durante la pandemia in corso. ( Xagena2020 )

Chandan JS et al, Arthritis Rheumatol 2020; Online ahead of print

Reuma2020 Inf2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

All'inizio della pandemia era stato ipotizzato che l'uso preesistente di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) potesse portare a un...


Farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), soluzioni per via endovenosa, stent pancreatici o combinazioni di questi sono stati valutati in...


La pancreatite è la complicanza più comune della colangiopancreatografia retrograda endoscopica ( ERCP ). La somministrazione profilattica rettale di farmaci...


L'EMA ( European Medicines Agency ) è venuta a conoscenza di segnalazioni, in particolare dai social media, che sollevano dubbi...


L'uso continuo di FANS ( farmaci antinfiammatori non-steroidei ) per il trattamento della spondilite anchilosante è associato a un aumentato...


Si è valutato se la somministrazione di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) post-partum sia associata a un aumento della...


Circa il 67% dell'elevato rischio di malattia cardiovascolare associato a pazienti con osteoartrosi è attribuito all'uso dei farmaci antinfiammatori...


I farmaci antinfiammatori non steroidei ( FANS ) sono fondamentali nella gestione del dolore da osteoartrosi. È stata valutata l'efficacia di...


Uno studio compiuto negli Stati Uniti su pazienti trattati con farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), ha mostrato che quelli...