Il Misoprostolo potrebbe attenuare i rischi cardiovascolari dei farmaci antinfiammatori non-steroidei


Uno studio compiuto negli Stati Uniti su pazienti trattati con farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), ha mostrato che quelli assegnati ad assumere anche Misoprostolo presentavano un ridotto rischio di eventi cardiovascolari associati ai FANS.

I farmaci antinfiammatori non-steroidei sono associati a elevato rischio per eventi come infarto miocardico, arresto cardiaco, ictus e insufficienza renale acuta.
Inoltre, questi farmaci causano ulcerazioni allo stomaco.
Per questo motivo, il Misoprostolo è talvolta prescritto alle persone che assumono i FANS e che sono ad alto rischio di ulcerazioni gastriche.

Negli Stati Uniti, è stato condotto uno studio retrospettivo di coorte utilizzando il database dei Veterans Affairs ( n= 1.687.581 ). I pazienti avevano iniziato ad assumere FANS e/o Misoprostolo nel periodo 2005-2013.

Non esistono ad oggi opzioni di trattamento dirette a ridurre il rischio di complicanze cardiorenali indotte dai FANS, oltre a sconsigliare l'uso di questi farmaci, ridurre la durata dell'uso o raccomandare l’uso di terapie alternative per il dolore.

I pazienti sono stati seguiti per 5 anni per i seguenti eventi: infarto miocardico acuto, arresto cardiaco, fibrillazione ventricolare, accidente cerebrovascolare, attacco ischemico transitorio ( TIA ) e insufficienza renale.

Utilizzando un modello basato sui punteggi di propensione sono stati confrontati 1.827 pazienti trattati con FANS e Misoprostolo con 1.827 solo che avevano assunto solo FANS.

Rispetto ai pazienti che hanno assunto solo FANS, quelli assegnati a FANS più Misoprostolo avevano un ridotto rischio di infarto miocardico acuto, arresto cardiaco o fibrillazione ventricolare ( hazard ratio, HR=0.56; IC 95%, 0.34-0.94 ), accidente cerebrovascolare o TIA ( HR=0.75; IC 95%, 0.6-0.95 ) o insufficienza renale ( HR=0.66; IC 95%, 0.49-0.89 ).

Non c'è stata differenza tra i gruppi riguardo alla mortalità per qualsiasi causa ( HR=1.05; IC 95%, 0.87-1.25 ).

I dati supportano un potenziale uso dei FANS associati a Misoprostolo. ( Xagena2017 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Annual Scientific Session, 2017

Cardio2017 Reuma2017 Nefro2017 Neuro2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

All'inizio della pandemia era stato ipotizzato che l'uso preesistente di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) potesse portare a un...


Farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), soluzioni per via endovenosa, stent pancreatici o combinazioni di questi sono stati valutati in...


La pancreatite è la complicanza più comune della colangiopancreatografia retrograda endoscopica ( ERCP ). La somministrazione profilattica rettale di farmaci...


L'EMA ( European Medicines Agency ) è venuta a conoscenza di segnalazioni, in particolare dai social media, che sollevano dubbi...


L'obiettivo di uno studio è stato quello di identificare se l'uso attivo di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) aumenti...


L'uso continuo di FANS ( farmaci antinfiammatori non-steroidei ) per il trattamento della spondilite anchilosante è associato a un aumentato...


Si è valutato se la somministrazione di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) post-partum sia associata a un aumento della...


Circa il 67% dell'elevato rischio di malattia cardiovascolare associato a pazienti con osteoartrosi è attribuito all'uso dei farmaci antinfiammatori...


I farmaci antinfiammatori non steroidei ( FANS ) sono fondamentali nella gestione del dolore da osteoartrosi. È stata valutata l'efficacia di...