I pazienti con artrite reumatoide sieronegativa hanno più attività infiammatoria rispetto ai pazienti con artrite reumatoide sieropositiva trattati con farmaci antireumatici modificanti la malattia


È stata confrontata la presentazione dell'artrite reumatoide, precoce, sieropositiva e sieronegativa, nei pazienti naive ai farmaci antireumatici modificanti la malattia ( DMARD ) classificati secondo i criteri American College of Reumatology 2010 ( ACR ) / European League Against Reumatism ( EULAR ).

Tutti i pazienti avevano una durata dei sintomi dalla prima articolazione gonfia inferiore a 2 anni ed erano naive ai DMARD con indicazione per il trattamento con DMARD.

I pazienti sono stati stratificati come sieropositivi ( fattore reumatoide positivo, RF+, e/o anticorpo anti-peptide citrullinato positivo, ACPA+ ), o sieronegativi ( RF- e ACPA- ) e le caratteristiche della malattia sono state confrontate tra i gruppi.

Sono stati inclusi 234 pazienti e 36 erano sieronegativi ( 15.4% )

I punteggi all'ultrasonografia per le articolazioni ( mediana 55 vs 25, P minore di 0.001 ) e per i tendini ( mediana 3 vs 0, P minore di 0.001 ), numero di articolazioni gonfie ( mediana 17 vs 8, P minore di 0.001 ), punteggio di attività della malattia ( DAS, media 3.9 vs 3.4, P=0.03 ) e valutazione globale del medico ( media 49.1 vs 38.9, P=0.006 ) sono risultati significativamente più elevati nei pazienti sieronegativi rispetto a quelli sieropositivi.

Il punteggio totale van der Heijde-Sharp modificato, Ritchie Articular Index e le misure di esito riportate dal paziente erano simili tra i gruppi.

In conclusione, i pazienti sieronegativi avevano livelli più elevati di infiammazione, valutati sia clinicamente che con ultrasonografia, rispetto ai pazienti sieropositivi.
Queste differenze possono riflettere l'elevato numero di articolazioni coinvolte necessarie ai pazienti sieronegativi per soddisfare i criteri di classificazione ACR/EULAR 2010 per artrite reumatoide. ( Xagena2017 )

Nordberg LB et al, Ann Rheum Dis 2017; 76: 341-345

Reuma2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

Studi epidemiologici hanno suggerito un legame tra l'artrite reumatoide e la malattia di Parkinson. I farmaci antireumatici modificanti la malattia...


È stata valutata l'efficacia di Denosumab ( Prolia ) nel sopprimere la distruzione articolare quando aggiunto alla terapia convenzionale con...


Gli studi di fase 2 con Upadacitinib, un inibitore selettivo della Janus chinasi 1 ( JAK1 ), hanno dimostrato sicurezza...



I farmaci biologici antireumatici modificanti la malattia ( bDMARD ) sono raccomandati per la spondiloartrite assiale radiografica, altrimenti nota come...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Kevzara, il cui principio attivo è Sarilumab, è un medicinale impiegato per trattare adulti affetti da artrite reumatoide da moderata...


Uno studio di fase III ha valutato Baricitinib ( Olumiant ), un inibitore JAK-1/JAK-2 somministrato per via orale, in monoterapia...


Sono state valutate efficacia e sicurezza di Sarilumab ( Kevzara ) più farmaci antireumatici che modificano la malattia( DMARD )...