COVID: i pazienti con malattie reumatiche autoimmuni sistemiche a maggior rischio di tromboembolismo venoso


I pazienti con malattie reumatiche autoimmuni sistemiche e affetti da COVID-19 ( infezioen da SARS-CoV-2 ) possono essere a maggior rischio di ospedalizzazione, ricovero in terapia intensiva, insufficienza renale acuta e tromboembolia venosa.

I pazienti con malattia reumatica autoimmune sistemica con significative comorbidità cardiache e polmonari dovrebbero essere informati dei rischi potenzialmente più elevati di forma grave di COVID-19 e incoraggiati a seguire le linee guida di salute pubblica riguardanti l'allontanamento sociale per evitare l'infezione.

Per esaminare gli esiti dei pazienti con malattie reumatiche autoimmuni sistemiche e con infezione da SARS-CoV-2, rispetto ai soggetti di controllo, è stato condotto uno studio di coorte comparativo utilizzando la rete TriNetX Dataworks, che contiene i dati delle cartelle cliniche elettroniche di 41 organizzazioni sanitarie di tutti gli Stati Uniti.

Le malattie reumatiche autoimmuni sistemiche ( SARD ) sono un gruppo di condizioni infiammatorie rare associate a disregolazione di tipo autoimmune che causa disabilità, insufficienza d'organo e mortalità prematura.
I SARD comprendono: lupus eritematoso sistemico, sclerosi sistemica, miosite infiammatoria ( ad es. polimiosite e dermatomiosite ), sindrome di Sjogren e vasculiti sistemiche ( arterite a cellule giganti, granulomatosi eosinofila con poliangioite, granulomatosi con poliangioite ).

Sono stati identificati 2.379 pazienti con malattia reumatica autoimmune sistemica e COVID-19, e 142.750 controlli affetti da COVID-19 ma senza malattia reumatica autoimmune sistemica.

Un totale di 2.379 confronti sono stati utilizzati nel modello primario abbinato, con abbinamento eseguito in base a età, sesso, razza / etnia, indice di massa corporea ( BMI ), comorbilità.

Sono stati valutati gli esiti a 30 giorni, inclusi ricovero in ospedale, ricovero in terapia intensiva, ventilazione meccanica, insufficienza renale acuta con richiesta di terapia sostitutiva, ictus ischemico, tromboembolia venosa e morte.

Nel modello primario abbinato, i pazienti con malattia reumatica autoimmune sistemica hanno mostrato rischi significativamente più elevati di ospedalizzazione ( RR = 1.14; IC 95%, 1.03-1.26 ), ricovero in terapia intensiva ( RR = 1.32; IC 95%, 1.03- 1.68 ), insufficienza renale acuta ( RR = 1.81; IC 95%, 1.07-3.07 ) e tromboembolia venosa ( RR = 1.74; IC 95%, 1.23-2.45 ), rispetto agli individui di controllo.
Tuttavia, nel modello esteso, tutti i rischi sono stati ampiamente attenuati ad eccezione del rischio di tromboembolia venosa ( RR = 1.6; IC 95%, 1.14-2.25 ).

Clinicamente, i pazienti affetti da SARD con comorbidità cardiache e polmonari significative dovrebbero essere informati dei rischi potenzialmente più elevati di forma grave di COVID-19 e incoraggiati a seguire le linee guida di salute pubblica relative al distanziamento sociale per evitare l'infezione.
I pazienti affetti da SARD senza comorbidità non sembrano essere a maggior rischio di esiti gravi.
Tuttavia, i pazienti con SARD sembrano avere un rischio maggiore di tromboembolia venosa nel contesto di COVID-19 e dovrebbero essere attentamente monitorati per trombosi venosa profonda ed embolia polmonare se infettati dal virus SARS-CoV-2. ( Xagena2020 )

Fonte: Arthritis & Rheumatology, 2020

Reuma2020 Emo2020 Inf2020



Indietro

Altri articoli

È stato esaminato il pattern di immunogenicità indotto dal vaccino inattivato contro SARS-CoV-2 CoronaVac ( Sinovac ) nei pazienti sieropositivi...


Le evidenze del mondo reale sull'associazione tra malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni, terapie correlate a queste malattie ed esiti di COVID-19...


Varie osservazioni hanno suggerito che il decorso di COVID-19 potrebbe essere meno favorevole nei pazienti con malattie infiammatorie reumatiche e...


Meno del 40% dei pazienti con malattie reumatiche che hanno ricevuto le moderne immunoterapie antitumorali hanno manifestato una riacutizzazione o...


Le malattie reumatiche autoimmuni sistemiche ( SARD ) sono associate a un aumentato rischio di malattia cardiovascolare prematura e mortalità...


Diverse malattie autoimmuni hanno aggregazione familiare e, possibilmente, predisposizioni genetiche comuni. In un ampio studio basato sulla popolazione, si è...


È stato compiuto uno studio di popolazione caso-controllo per identificare il rischio di fratture vertebrali e dell'anca in pazienti con...


Il ferro è critico in quasi tutte le funzioni della cellula, e la capacità di una cellula, di un tessuto...


La coccidioidomicosi è un’infezione fungina potenzialmente grave, contratta nelle aree endemiche del deserto del Sud Ovest degli Stati Uniti. Esistono...