Effetto delle statine sulla mortalità nelle malattie reumatiche autoimmuni sistemiche


Le malattie reumatiche autoimmuni sistemiche ( SARD ) sono associate a un aumentato rischio di malattia cardiovascolare prematura e mortalità per tutte le cause.
È stato esaminato il potenziale beneficio di sopravvivenza con l'impiego delle statine tra i pazienti con malattie reumatiche autoimmuni sistemiche in un contesto di popolazione generale.

È stato condotto uno studio di coorte di utilizzatori del Regno Unito da un database di popolazione generale.
La popolazione comprendeva pazienti con malattie reumatiche autoimmuni sistemiche come determinato dalle diagnosi secondo il codice Read di lupus eritematoso sistemico, sclerosi sistemica, sindrome di Sjögren, dermatomiosite, polimiosite, malattia del tessuto connettivo misto, malattia di Behçet o vasculite associata agli anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili tra il 2000 e il 2014.

Sono state confrontate coorti di iniziatori e non-iniziatori dell’assunzione di statine abbinati per punteggio di propensione per tenere conto di potenziali fattori confondenti, tra cui la durata della malattia, l'indice di massa corporea [ BMI ], i fattori legati allo stile di vita, le comorbilità e l'uso di farmaci.

Delle 2.305 persone che avevano iniziato ad assumere le statine, 298 sono decedute durante il periodo di follow-up ( media 5.1 anni ), mentre tra 2.305 non-iniziatori dell’assunzione di statine abbinati per punteggio di propensione, 338 sono deceduti durante il periodo di follow-up ( media 4.8 anni ).
Questo corrispondeva a tassi di mortalità rispettivamente di 25.4 per 1.000 e 30.3 per 1.000 anni-persona.
L'inizio dell’assunzione di statine è stato associato a una ridotta mortalità per tutte le cause ( hazard ratio, HR 0.84 ).

Quando sono state confrontate le coorti non-abbinate, gli iniziatori dell’assunzione di statine ( n=2.863 ) hanno mostrato un aumento della mortalità ( HR 1.85 ) rispetto ai non-iniziatori dell’assunzione di statine ( n=2.863 ) a causa di confondimento per l’indicazione.

In conclusione, in questo studio generale basato sulla popolazione, è stato dimostrato che l'inizio dell’assunzione di statine riduce la mortalità complessiva nei pazienti con malattie reumatiche autoimmuni sistemiche dopo aggiustamento per i determinanti rilevanti del rischio di malattia cardiovascolare. ( Xagena2018 )

Jorge AM et al, The Journal of Rheumatology 2018; 45: 1689-1695

Reuma2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

È stato esaminato il pattern di immunogenicità indotto dal vaccino inattivato contro SARS-CoV-2 CoronaVac ( Sinovac ) nei pazienti sieropositivi...


Le evidenze del mondo reale sull'associazione tra malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni, terapie correlate a queste malattie ed esiti di COVID-19...


Varie osservazioni hanno suggerito che il decorso di COVID-19 potrebbe essere meno favorevole nei pazienti con malattie infiammatorie reumatiche e...


I pazienti con malattie reumatiche autoimmuni sistemiche e affetti da COVID-19 ( infezioen da SARS-CoV-2 ) possono essere a maggior...


Meno del 40% dei pazienti con malattie reumatiche che hanno ricevuto le moderne immunoterapie antitumorali hanno manifestato una riacutizzazione o...


Diverse malattie autoimmuni hanno aggregazione familiare e, possibilmente, predisposizioni genetiche comuni. In un ampio studio basato sulla popolazione, si è...


È stato compiuto uno studio di popolazione caso-controllo per identificare il rischio di fratture vertebrali e dell'anca in pazienti con...


Il ferro è critico in quasi tutte le funzioni della cellula, e la capacità di una cellula, di un tessuto...


La coccidioidomicosi è un’infezione fungina potenzialmente grave, contratta nelle aree endemiche del deserto del Sud Ovest degli Stati Uniti. Esistono...