Esiti di COVID-19 nei pazienti con malattie infiammatorie reumatiche e muscoloscheletriche trattati con Rituximab


Varie osservazioni hanno suggerito che il decorso di COVID-19 potrebbe essere meno favorevole nei pazienti con malattie infiammatorie reumatiche e muscoloscheletriche che ricevono Rituximab ( MabThera ) rispetto a quelli che non ricevono Rituximab.

E' stato valutato se il trattamento con Rituximab fosse associato a gravi esiti di COVID-19 in pazienti con malattie infiammatorie reumatiche e muscoloscheletriche.

In uno studio di coorte sono stati analizzati i dati della coorte francese RMD COVID-19, che includeva pazienti di età pari o superiore a 18 anni con malattie infiammatorie reumatiche e muscoloscheletriche e COVID-19 altamente sospettata o confermata.

L'endpoint primario era la gravità della COVID-19 nei pazienti trattati con Rituximab ( gruppo Rituximab ) rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto Rituximab ( gruppo senza Rituximab ).
La malattia grave è stata definita come quella che richiedeva il ricovero in Unità di terapia intensiva o portava alla morte.
Gli obiettivi secondari erano: analizzare i decessi e la durata della degenza ospedaliera. Sono stati corretti i potenziali fattori di confusione ( età, sesso, ipertensione arteriosa, diabete, abitudine al fumo, indice di massa corporea, malattia polmonare interstiziale, malattie cardiovascolari, tumore, uso di corticosteroidi, insufficienza renale cronica e malattia di base, come artrite reumatoide versus altre ).

Tra il 15 aprile 2020 e il 20 novembre 2020, sono stati raccolti dati per 1.090 pazienti ( età media 55.2 anni ); 734 ( 67% ) erano femmine e 356 ( 33% ) erano maschi.
Dei 1.090 pazienti, 137 ( 13% ) hanno sviluppato COVID-19 grave e 89 ( 8% ) sono deceduti.

Dopo aggiustamento per potenziali fattori confondenti, la malattia grave è stata osservata più frequentemente ( dimensione dell’effetto 3.26, P=0.0006 ) e la durata della degenza ospedaliera è stata notevolmente più lunga ( 0.62, P=0.0024 ) nei 63 pazienti nel gruppo Rituximab rispetto ai 1.027 pazienti nel gruppo senza Rituximab.

In tutto 13 pazienti su 63 ( 21% ) nel gruppo Rituximab sono morti rispetto a 76 su 1.027 pazienti ( 7% ) nel gruppo senza Rituximab, ma il rischio di morte aggiustato non è aumentato significativamente nel gruppo Rituximab ( dimensione dell'effetto 1.32, P=0.53 ).

La terapia con Rituximab è associata a forma più grave di COVID-19. Rituximab dovrà essere prescritto con particolare cautela nei pazienti con malattie infiammatorie reumatiche e muscoloscheletriche. ( Xagena2021 )

Avouac J et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 419-426

Reuma2021 Inf2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

È stato esaminato il pattern di immunogenicità indotto dal vaccino inattivato contro SARS-CoV-2 CoronaVac ( Sinovac ) nei pazienti sieropositivi...


Le evidenze del mondo reale sull'associazione tra malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni, terapie correlate a queste malattie ed esiti di COVID-19...


I pazienti con malattie reumatiche autoimmuni sistemiche e affetti da COVID-19 ( infezioen da SARS-CoV-2 ) possono essere a maggior...


Meno del 40% dei pazienti con malattie reumatiche che hanno ricevuto le moderne immunoterapie antitumorali hanno manifestato una riacutizzazione o...


Le malattie reumatiche autoimmuni sistemiche ( SARD ) sono associate a un aumentato rischio di malattia cardiovascolare prematura e mortalità...


Diverse malattie autoimmuni hanno aggregazione familiare e, possibilmente, predisposizioni genetiche comuni. In un ampio studio basato sulla popolazione, si è...


È stato compiuto uno studio di popolazione caso-controllo per identificare il rischio di fratture vertebrali e dell'anca in pazienti con...


Il ferro è critico in quasi tutte le funzioni della cellula, e la capacità di una cellula, di un tessuto...


La coccidioidomicosi è un’infezione fungina potenzialmente grave, contratta nelle aree endemiche del deserto del Sud Ovest degli Stati Uniti. Esistono...