Malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni ed esiti di COVID-19


Le evidenze del mondo reale sull'associazione tra malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni, terapie correlate a queste malattie ed esiti di COVID-19 sono incoerenti.
È stata esaminata la potenziale associazione tra malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni e COVID-19 all'inizio della pandemia di COVID-19.

È stato condotto uno studio basato sull'esposizione e abbinato per punteggio di propensione utilizzando una coorte nazionale sudcoreana collegata alle cartelle cliniche.
Sono stati analizzati tutti i pazienti sudcoreani di età superiore ai 20 anni sottoposti a test SARS-CoV-2 RT-PCR tra il 1 gennaio e il 30 maggio 2020 e che avevano ricevuto i risultati degli esami sanitari generali dal Servizio nazionale di assicurazione sanitaria coreano.

Sono state definite le malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni ( artrite infiammatoria e malattie del tessuto connettivo ) sulla base dei codici ICD-10 pertinenti, con almeno due richieste ambulatoriale o ospedaliera entro 1 anno.

Gli endpoint erano test SARS-CoV-2 RT-PCR positivo, COVID-19 grave ( richiesta di ossigenoterapia, ricovero in Unità di terapia intensiva, applicazione di ventilazione invasiva o morte ) e morte correlata a COVID-19.

Tra il 1° gennaio e il 30 maggio 2020, 133.609 pazienti ( 70.050 femmine, 52.4%, e 63.559 maschi, 47.6% ) hanno completato l'esame di salute generale e sono stati testati per SARS-CoV-2; 4.365 ( 3.3% ) sono risultati positivi per SARS-CoV-2 e 8.297 ( 6.2% ) sono stati diagnosticati con malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni.

Dopo l'abbinamento, i pazienti con una malattia reumatica infiammatoria autoimmune hanno mostrato una maggiore probabilità di risultare positivi per SARS-CoV-2 ( odds ratio aggiustato, aOR=1.19, P=0.026 ), esiti di COVID-19 grave ( aOR=1.26, P=0.041 ) e decessi correlati a COVID-19 ( aOR=1.69, P=0.046 ).

Risultati simili sono stati osservati nei pazienti con malattia del tessuto connettivo e artrite infiammatoria.
Il trattamento con qualsiasi dose di corticosteroidi sistemici o farmaci antireumatici modificanti la malattia ( DMARD ) non è stato associato a esiti correlati a COVID-19, ma coloro che ricevevano alte dosi ( 10 mg o più al giorno ) di corticosteroidi sistemici hanno presentato una maggiore probabilità di un test SARS-CoV-2 positivo ( aOR=1.47, P=0.022 ), esiti gravi di COVID-19 ( aOR=1.76, P=0.031 ) e decessi correlati a COVID-19 ( aOR=3.34, P=0.017 ).

All'inizio della pandemia di COVID-19, le malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni sono state associate a una maggiore probabilità di un test SARS-CoV-2 PCR positivo, peggiori esiti clinici di COVID-19 e decessi correlati a COVID-19 in Corea del Sud.
Una dose elevata di corticosteroidi sistemici, ma non i DMARD, ha mostrato un effetto avverso sull'infezione da virus SARS-CoV-2 e sugli esiti clinici correlati a COVID-19. ( Xagena2021 )

Shin YH et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 698-706

Inf2021 Reuma2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

È stato esaminato il pattern di immunogenicità indotto dal vaccino inattivato contro SARS-CoV-2 CoronaVac ( Sinovac ) nei pazienti sieropositivi...


Varie osservazioni hanno suggerito che il decorso di COVID-19 potrebbe essere meno favorevole nei pazienti con malattie infiammatorie reumatiche e...


I pazienti con malattie reumatiche autoimmuni sistemiche e affetti da COVID-19 ( infezioen da SARS-CoV-2 ) possono essere a maggior...


Meno del 40% dei pazienti con malattie reumatiche che hanno ricevuto le moderne immunoterapie antitumorali hanno manifestato una riacutizzazione o...


Le malattie reumatiche autoimmuni sistemiche ( SARD ) sono associate a un aumentato rischio di malattia cardiovascolare prematura e mortalità...


Diverse malattie autoimmuni hanno aggregazione familiare e, possibilmente, predisposizioni genetiche comuni. In un ampio studio basato sulla popolazione, si è...


È stato compiuto uno studio di popolazione caso-controllo per identificare il rischio di fratture vertebrali e dell'anca in pazienti con...


Il ferro è critico in quasi tutte le funzioni della cellula, e la capacità di una cellula, di un tessuto...


La coccidioidomicosi è un’infezione fungina potenzialmente grave, contratta nelle aree endemiche del deserto del Sud Ovest degli Stati Uniti. Esistono...