Tanezumab ha migliorato il dolore, la funzione nell'osteoartrosi del ginocchio e dell'anca


Un anticorpo monoclonale diretto contro NGF ( fattore di crescita nervoso ), Tanezumab, è risultato associato a miglioramenti del dolore e della funzione alla scala WOMAC ( Western Ontario and McMaster Universities ) in una coorte di pazienti con osteoartrosi del ginocchio e dell'anca.

Lo studio ha coinvolto 231 pazienti che hanno ricevuto due dosi di Tanezumab al dosaggio di 2.5 g a 8 settimane di distanza, 233 pazienti trattati con una dose da 2.5 mg che è stata titolata fino a 5 mg per la seconda dose, e 232 pazienti trattati con placebo.

Tanezumab è risultato associato a miglioramenti sia del dolore che della funzione nella scala WOMAC in una coorte di pazienti con osteoartrosi del ginocchio e dell'anca.

L'osteoartrosi al ginocchio è stata riportata nell'85% della popolazione dei pazienti; il restante 15% aveva osteoartrosi dell'anca.

Il dolore alla scala WOMAC e il grado 2 o maggiore di Kellgren-Lawrence costituivano la base dei criteri di inclusione.
I pazienti dovevano avere una risposta inadeguata documentata ad almeno tre precedenti farmaci, come Paracetamolo, farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) o oppioidi, o una controindicazione a tali farmaci.

Gli endpoint di efficacia includevano dolore e funzione alla scala WOMAC, assieme alla sicurezza.

Durante ogni visita sono stati valutati parametri di riferimento del 30%, 50% o 70% di riduzione del dolore alla scala WOMAC.
I pazienti hanno misurato il dolore utilizzando un diario giornaliero.

I risultati hanno mostrato una riduzione statisticamente significativa del dolore e della funzione alla scala WOMAC.

L'insorgenza della risposta di solito richiedeva solo 3-5 giorni, con la risposta ottimale riportata 4 settimane dopo la dose.

Le migliori risposte si sono verificate a 12 settimane, 4 settimane dopo la seconda dose.

I risultati auto-riportati nel diario riguardo al dolore erano paragonabili ai risultati della scala WOMAC.
I pazienti che hanno continuato ad avere dolore tendevano ad avere quel dolore per tutte e 16 le settimane, mentre per i pazienti che hanno risposto, con il dosaggio continuato, è stato osservato un beneficio di mantenimento nel corso delle 16 settimane. ( Xagena2019 )

Fonte: OARSI ( Osteoarthritis Research Society International ) World Congress on Osteoarthritis, 2019

Reuma2019 Med2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

La radioterapia a basse dosi è comunemente impiegata come trattamento per le malattie benigne, inclusa l'artrosi, in alcuni Paesi come...


La Sprifermina ha aumentato lo spessore della cartilagine e ridotto la perdita di cartilagine tra i pazienti con osteoartrosi del...


Sia la terapia fisica che le iniezioni intraarticolari di glucocorticoidi hanno dimostrato di conferire un beneficio clinico nell'osteoartrosi del ginocchio....


Uno studio proof-of-principle ha suggerito che l'Acido Zoledronico ( Aclasta ) per via endovenosa possa ridurre il dolore al ginocchio...


La radioterapia a basso dosaggio ( LDRT ) per disturbi benigni come l'artrosi del ginocchio è ampiamente utilizzata in alcune...


I pazienti con osteoartrosi possono rimanere sintomatici con i tradizionali trattamenti. Sono stati valutati 2 regimi di dosaggio sottocutaneo di...


Uno studio osservazionale trasversale a livello nazionale ha mostrato che le donne in postmenopausa che assumevano la terapia ormonale...


I farmaci antinfiammatori non steroidei ( FANS ) sono fondamentali nella gestione del dolore da osteoartrosi. È stata valutata l'efficacia di...