Tanezumab per il trattamento del dolore da osteoartrosi del ginocchio


L'aumento dell'espressione del fattore di crescita nervoso ( NGF ) nel tessuto danneggiato o infiammato è associato a un aumento del dolore.

Uno studio proof-of-concept ha valutato la sicurezza e l’efficacia analgesica di Tanezumab, un anticorpo monoclonale umanizzato che lega ed inibisce il fattore di crescita nervoso.

In totale, 450 pazienti con osteoartrosi del ginocchio sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere Tanezumab ( somministrato alla dose di 10, 25, 50, 100 o 200 microg per chilogrammo di peso corporeo ) oppure placebo nei giorni 1 e 56.

Le misure di efficacia primaria erano il dolore al ginocchio durante il cammino e la valutazione globale della risposta del paziente alla terapia.

Sono stati inoltre valutati dolore, rigidità e funzione fisica utilizzando l'indice WOMAC ( Western Ontario e McMaster Universities Osteoarthritis ), tasso di risposta utilizzando i criteri OMERACT-OARSI ( Outcome Measures for Rheumatology Committee e Osteoarthritis Research Society International Standing Committee for Clinical Trials Response Criteria Initiative ) e sicurezza.

Quando mediati per le settimane da 1 a 16, le riduzioni minime dal basale nel dolore al ginocchio durante il cammino sono risultati compresi tra 45 e 62% con varie dosi di Tanezumab, rispetto a 22% con placebo ( P inferiore a 0.001 ).

Tanezumab, rispetto a placebo, è risultato inoltre associato a miglioramenti significativamente maggiori in risposta alla terapia, mediante l'uso della scala di valutazione globale del paziente ( aumento medio nel punteggio da 29 a 47% con varie dosi di Tanezumab, rispetto a 19% con placebo; P minore o uguale a 0.001 ).

Il tasso di risposta in accordo con i criteri OMERACT-OARSI da 74 a 93% con trattamento con Tanezumab, rispetto a 44% con placebo ( P inferiore a 0.001 ).

I tassi di eventi avversi sono stati pari al 68% e al 55% nei gruppi Tanezumab e placebo, rispettivamente, e gli eventi avversi più comuni tra i pazienti trattati con Tanezumab sono stati mal di testa ( 9% ), infezioni del tratto respiratorio superiore ( 7% ) e parestesia ( 7% ).

In conclusione, in questo studio il trattamento con Tanezumab è risultato associato a una riduzione nel dolore alle articolazioni e a un miglioramento nella funzione, con eventi avversi lievi e moderati in pazienti con artrosi del ginocchio da moderata a grave. ( Xagena2010 )

Lane NE et al, N Engl J Med 2010; 363: 1521-1531

Reuma2010 Farma2010 Neuro2010


Indietro

Altri articoli

La radioterapia a basse dosi è comunemente impiegata come trattamento per le malattie benigne, inclusa l'artrosi, in alcuni Paesi come...


La Sprifermina ha aumentato lo spessore della cartilagine e ridotto la perdita di cartilagine tra i pazienti con osteoartrosi del...


Sia la terapia fisica che le iniezioni intraarticolari di glucocorticoidi hanno dimostrato di conferire un beneficio clinico nell'osteoartrosi del ginocchio....


Uno studio proof-of-principle ha suggerito che l'Acido Zoledronico ( Aclasta ) per via endovenosa possa ridurre il dolore al ginocchio...


Un anticorpo monoclonale diretto contro NGF ( fattore di crescita nervoso ), Tanezumab, è risultato associato a miglioramenti del dolore...


La radioterapia a basso dosaggio ( LDRT ) per disturbi benigni come l'artrosi del ginocchio è ampiamente utilizzata in alcune...


I pazienti con osteoartrosi possono rimanere sintomatici con i tradizionali trattamenti. Sono stati valutati 2 regimi di dosaggio sottocutaneo di...


Uno studio osservazionale trasversale a livello nazionale ha mostrato che le donne in postmenopausa che assumevano la terapia ormonale...


I farmaci antinfiammatori non steroidei ( FANS ) sono fondamentali nella gestione del dolore da osteoartrosi. È stata valutata l'efficacia di...