Plasmaferesi e glucocorticoidi nella vasculite ANCA-associata forma grave


Sono necessari trattamenti più efficaci e più sicuri per la vasculite associata all'anticorpo anti-citoplasma dei neutrofili ( ANCA ).

È stato condotto uno studio randomizzato per valutare l'uso dello scambio plasmatico ( plasmaferesi ) e due regimi di glucocorticoidi orali nei pazienti con vasculite ANCA-associata in forma grave ( definita da una velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] minore di 50 ml al minuto per 1.73 m2 di superficie corporea o emorragia polmonare diffusa ).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a subire uno scambio plasmatico ( 7 scambi plasmatici entro 14 giorni dopo la randomizzazione ) o nessuno scambio plasmatico ( gruppo di controllo ).

I pazienti sono stati inoltre assegnati in modo casuale a seguire un regime di dose standard o un regime di dose ridotta di glucocorticoidi orali.
I pazienti sono stati seguiti per un massimo di 7 anni per l'esito composito primario di morte per qualsiasi causa o malattia renale allo stadio terminale ( ESKD ).

La morte per qualsiasi causa o insufficienza renale terminale si è verificata in 100 pazienti su 352 ( 28.4% ) nel gruppo plasmaferesi e in 109 su 352 pazienti ( 31.0% ) nel gruppo di controllo ( hazard ratio, HR=0.86; P=0.27 ).
I risultati sono stati simili nelle analisi dei sottogruppi e nelle analisi degli esiti secondari.

È stata anche valutata la non-inferiorità di un regime a dose ridotta di glucocorticoidi rispetto a un regime a dose standard, utilizzando un margine di non-inferiorità di 11 punti percentuali.
La morte per qualsiasi causa o insufficienza renale terminale si è verificata in 92 pazienti su 330 ( 27.9% ) nel gruppo a dose ridotta e in 83 su 325 pazienti ( 25.5% ) nel gruppo a dose standard ( differenza di rischio assoluto, 2.3 punti percentuali ), soddisfacendo il criterio di non-inferiorità.

Infezioni gravi a 1 anno sono state meno comuni nel gruppo a dose ridotta rispetto al gruppo a dose standard ( incidence rate ratio, IRR=0.69 ), ma altri esiti secondari sono stati simili nei due gruppi.

Tra i pazienti con grave vasculite ANCA-associata, l'uso della plasmaferesi non ha ridotto l'incidenza di morte o di malattia renale allo stadio terminale.
Un regime a dose ridotta di glucocorticoidi è risultato non-inferiore a un regime a dose standard relativamente alla morte o a insufficienza renale terminale. ( Xagena2020 )

Walsh M et al, N Engl J Med 2020; 382: 622-631

Reuma2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

L'inibitore del recettore C5a Avacopan è in fase di studio per il trattamento della vasculite associata agli anticorpi anti-citoplasma dei...


I pazienti con vasculite sistemica primaria o polimialgia reumatica potrebbero essere ad alto rischio di esiti infausti di COVID-19 a...


L'attuale terapia di induzione standard per la vasculite associata agli anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili ( ANCA ) è la combinazione...


Rituximab ( MabThera ), usato insieme ai glucocorticoidi, è altamente efficace nel re-indurre la remissione tra i pazienti recidivati con...


I benefici del trattamento della vasculite associata ad ANCA ( anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili ) in età avanzata non sono...


Uno studio ha mostrato che Avacopan appare essere sicuro ed efficace e produce benefici non-riscontrabili con altri trattamenti, inclusa la...


Il trattamento con dosi ripetute di Rituximab ( MabThera ) è superiore all'Azatioprina giornaliera per prevenire la ricaduta tra i...


La vasculite da IgA ( IgAV, porpora di Henoch-Schönlein ) è una vasculite dei piccoli vasi più comune nei bambini...


I regimi di induzione con Ciclofosfamide sono efficaci per la vasculite associata agli anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili ( ANCA ),...