Cancro della vescica in fase avanzata: Atezolizumab, un immunoterapico anti-PD-L1, riduce le dimensioni del tumore nei pazienti non-trattati in precedenza


Nel corso del Congresso dell’American Society of Clinical Oncology ( ASCO ), sono stati presentati i risultati dello studio di fase II, IMvigor210, che hanno mostrato una riduzione della dimensione dei tumori con l’impiego di Atezolizumab ( tasso di risposta obiettiva, ORR ) nel 24% ( n = 28 ) dei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico ( mUC ), che non avevano ricevuto un precedente trattamento ( prima linea ) e che non potevano essere sottoposti a chemioterapia a base di Cisplatino.
Tra i pazienti che hanno risposto positivamente, il 75% ( n=21 ) ha continuato a rispondere al trattamento e la durata della risposta mediana ( mDOR ) non era ancora stata raggiunta al momento dell'analisi dei dati.
Il 7% ( n = 8 ) di tutti i pazienti dello studio ha ottenuto una risposta completa ( CR ) e la sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata pari a 14.8 mesi.
Il profilo di sicurezza di Atezolizumab è risultato in linea con quello osservato nelle precedenti analisi dello studio, così come negli altri studi con Atezolizumab in monoterapia.

IMvigor 210 è uno studio multicentrico di fase II, a due coorti, in aperto, che ha valutato la sicurezza e l’efficacia di Atezolizumab nei pazienti affetti da carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, indipendentemente dall’espressione di PD-L1.
I pazienti arruolati nello studio sono stati suddivisi in due coorti.
La coorte 1 era costituita da pazienti che non avevano ricevuto precedenti terapie per il carcinoma uroteliale della vescica localmente avanzato o metastatico e che non potevano essere sottoposti a chemioterapia di prima linea a base di Cisplatino.
La coorte 2 includeva pazienti la cui malattia era progredita durante, o in seguito, a un precedente trattamento con un regime di chemioterapia a base di Platino ( seconda linea o successive ).
L’endpoint primario dello studio era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ). Gli endpoint secondari includevano la durata della risposta ( DOR ), la sopravvivenza globale ( OS ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sicurezza.
L'espressione di PD-L1 ( Programmed Death Ligand-1 ) è stata valutata utilizzando un test diagnostico immunoistochimico ( IHC ) sviluppato da Roche Tissue Diagnostics.

I dati aggiornati di IMvigor 210 della Coorte 1 ( tumore precedentemente non-trattato; prima linea ) hanno evidenziato: tasso di risposta obiettiva del 24% ( n=28 ) ( IC 95%; 16, 32 ); il 7% ( n = 8 ) di tutti i pazienti della coorte ha ottenuto una risposta completa ( CR ).
La durata mediana della risposta non è stata raggiunta durante un follow-up mediano di 14.4 mesi; il 75% delle risposte ( n=21 ) era in corso al momento dell'analisi.
La sopravvivenza mediana globale è stata pari a 14.8 mesi ( IC 95%: 10.1, non-stimabile ) e dopo 12 mesi era del 57%.
Il 15% dei pazienti trattati con Atezolizumab ha riportato gravi eventi avversi correlati al trattamento ( grado 3 e 4 ). Il 6% dei pazienti ha manifestato un evento avverso che ha portato alla sospensione del trattamento, e il 35% ne ha avuto uno che ha portato all'interruzione del dosaggio.
Si sono verificati eventi avversi ( tutti i gradi ), correlati al trattamento, nel 66% dei pazienti.
Si è verificato un evento avverso correlato al trattamento di grado 5 ( sepsi ).
Il 6% dei pazienti ha presentato eventi avversi immunomediati di grado 3-4.

I dati aggiornati della Coorte 2 ( tumore precedentemente trattato con chemioterapia a base di Platino ) di IMvigor 210 hanno evidenziato: tasso di risposta obiettiva del 16% ( n=49 ) ( IC 95%: 12, 20 ); il 7% ( n=21 ) dei pazienti ha ottenuto una risposta completa ( CR ).
La durata mediana della risposta non è stata raggiunta nel corso di un follow-up mediano di 17.5 mesi; il 71% delle risposte era ancora in corso al momento dell'analisi.
La sopravvivenza mediana globale è stata di 7.9 mesi ( IC 95%: 7, 9 ) e dopo 12 mesi era pari al 37%.
Il 17% dei pazienti trattati con Atezolizumab ha riportato gravi eventi avversi correlati al trattamento ( grado 3 e 4 ). Il 3% dei pazienti ha manifestato un evento avverso che ha portato alla sospensione del trattamento, e il 31% ne ha avuto uno che ha portato all'interruzione della terapia.
Si sono verificati eventi avversi correlati al trattamento ( tutti i gradi ) nel 70% dei pazienti.
Si sono verificati 3 eventi avversi di grado 5: ostruzione intestinale, sepsi ed emorragia cerebrale.

Atezolizumab è un anticorpo monoclonale progettato per interferire con una proteina denominata PD-L1 ( programmed death ligand-1 ), espressa sulle cellule tumorali e sulle cellule immunitarie infiltranti il tumore, impedendo che si leghi a PD-1 e B7.
Inibendo la proteina PD-L1, Atezolizumab può attivare le cellule T, ripristinando la loro capacità di rilevare in modo efficace le cellule tumorali e di attaccarle. ( Xagena2016 )

Fonte: Roche, 2016

Uro2016 Onco2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli

Gemcitabina e Cisplatino neoadiuvanti ( GC ) seguiti da cistectomia radicale ( RC ) sono standard per i pazienti con...


La cistectomia radicale è lo standard chirurgico per il cancro invasivo della vescica. La cistectomia robot-assistita è stata proposta per fornire risultati oncologici simili con una morbilità inferiore. È stata confrontata...


Sono stati studiati i fattori di stile di vita modificabili rappresentati da fumo, esercizio fisico e obesità in rapporto alla...


La gestione multidisciplinare migliora il complesso processo decisionale dei trattamenti nella cura del cancro, ma il suo impatto sul cancro...


Molti pazienti con tumore alla vescica non-muscolo-invasivo ( NMIBC ) ad alto rischio sono refrattari al trattamento con il bacillo...


La chemioterapia a base di Platino è ampiamente usata per il cancro della vescica, ma è associata a tossicità vascolare,...


La dose ottimale di bacillo di Calmette-Guérin intravesicale per il trattamento del cancro della vescica non-muscolo invasivo è controversa. Uno...


Dato che gli studi randomizzati che hanno esplorato la chemioterapia adiuvante per il carcinoma della vescica sono stati sottodimensionati ...


I primi risultati di uno studio pilota di fase II, IMvigor 210, che ha valutato l’immunoterapico Atezolizumab ( farmaco...