Cabozantinib come trattamento di prima linea nei pazienti con carcinoma a cellule renali del dotto collettore metastatico: studio BONSAI


Il carcinoma del dotto collettore metastatico ( mCDC ) è un raro tipo di carcinoma renale a cellule non-chiare ( ncRCC ) con prognosi infausta e nessun trattamento standard. Nonostante le serie retrospettive che hanno documentato il beneficio di Cabozantinib ( Cabometyx ) nel carcinoma ncRCC, nessuno studio prospettico ha valutato questo trattamento nel carcinoma renale a cellule non-chiare.

Si è determinato se Cabozantinib sia un trattamento attivo nei pazienti con carcinoma del dotto collettore metastatico.
BONSAI ( caBozantinib in cOllectiNg ductS Renal Cell cArcInoma ) è stato uno studio clinico di fase 2 in aperto, a braccio singolo, condotto tra il 2018 e il 2020 presso un unico centro accademico con cutoff dei dati nel 2021 per conto dell’Italian Network for Research in Urologic-Oncology ( Meet-URO 2 ).

I pazienti eleggibili avevano una diagnosi istologica di carcinoma del dotto collettore metastatico confermato a livello centrale con malattia misurabile secondo i criteri RECIST versione 1.1.
In totale sono stati selezionati 25 pazienti.

I pazienti hanno ricevuto Cabozantinib 60 mg per via orale una volta al giorno, fino a progressione della malattia, effetti tossici inaccettabili o revoca del consenso.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) per RECIST versione 1.1.

Al cutoff dei dati, su 25 pazienti arruolati, 23 hanno iniziato il trattamento perché 2 sono stati esclusi dopo aver fallito il processo di screening alla revisione patologica.
Il tempo mediano alla censura è stato di 11 mesi.
L'età mediana era di 66 anni.

Come migliore risposta globale, 3 pazienti hanno presentato una malattia stabile, 1 paziente ha ottenuto una risposta completa e 7 una risposta parziale.
Il tasso ORR è stato del 35%.
La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 4 mesi.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 7 mesi. Tutti i pazienti hanno riportato almeno 1 evento avverso di grado da 1 a 2.
Gli eventi avversi di grado da 1 a 2 più comuni sono stati affaticamento ( 14, 60% ), anoressia ( 9, 39% ), sindrome mano-piede ( 7, 30% ), ipotiroidismo ( 7, 30% ), mucosite ( 7, 30% ), diarrea ( 5, 22% ) e ipertensione ( 3, 13% ).

Sono stati segnalati 6 eventi avversi di grado 3: ipertensione arteriosa ( n=2 ), tromboembolismo polmonare ( n=1 ), sanguinamento ( n=2 ) e affaticamento ( n=2 ).
Non ci sono state interruzioni permanenti dello studio a causa di eventi avversi.
4 pazienti ( 17% ) hanno richiesto una riduzione della dose a 40 mg e 4 ( 17% ) hanno richiesto un'interruzione transitoria per gestire gli effetti tossici.

Lo studio ha raggiunto l'endpoint primario del tasso ORR, mostrando un'efficacia incoraggiante di Cabozantinib nei pazienti non-trattati con carcinoma del dotto collettore metastatico. ( Xagena2022 )

Procopio G et al, JAMA Oncol 2022; 8: 910-913

Nefro2022 Uro2022 Onco2022 MalRar2022 Med2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

Nell'analisi primaria di CheckMate 9ER, Nivolumab ( Opdivo ) più Cabozantinib ( Cabometyx ) ha mostrato una sopravvivenza libera da...


Il metabolismo disregolato è un segno distintivo del carcinoma a cellule renali ( RCC ). La glutaminasi è un enzima...


Bavencio è un medicinale antitumorale usato nel trattamento di pazienti adulti affetti da: carcinoma a cellule di Merkel ( MCC...


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Opdivo ( Nivolumab ) 240 mg per uso endovenoso ogni...


L'efficacia e la sicurezza di Nivolumab ( Opdivo ) più Cabozantinib ( Cabometyx ) rispetto a quelle di Sunitinib (...


I pazienti con metastasi cerebrali da carcinoma a cellule renali ( RCC ) sono stati sottorappresentati negli studi clinici e...


Axitinib ( Inlyta ) più Pembrolizumab ha mostrato sopravvivenza globale ( OS ), sopravvivenza libera da progressione ( PFS )...


Lenvatinib ( Lenvima ) in combinazione con Pembrolizumab ( Keytruda ) o Everolimus ( Afinitor ) ha attività contro il...


COSMIC-021 sta valutando Cabozantinib ( Cabometyx ) più Atezolizumab ( Tecentriq ) nei pazienti con tumori solidi. Sono stati riportati...