Radioterapia ultra-ipofrazionata versus convenzionalmente frazionata per carcinoma alla prostata: studio HYPO-RT-PC


La radioterapia ipofrazionata per il tumore della prostata ha attirato maggiore attenzione grazie alla sua elevata sensibilità alle frazioni di radiazione.
Recenti studi che hanno confrontato la radioterapia moderatamente ipofrazionata e convenzionalmente frazionata supportano l'uso clinico di un ipofrazionamento moderato.
Ad oggi, non ci sono studi randomizzati sulla radioterapia ultra-ipofrazionata.

Sono stati riportati i risultati dello studio di fase 3 scandinavo HYPO-RT-PC con l'obiettivo di mostrare la non-inferiorità dell'ultra-ipofrazionamento rispetto al frazionamento convenzionale.

In questo studio di non-inferiorità, in aperto, randomizzato, condotto in 12 Centri in Svezia e Danimarca, sono stati reclutati uomini di età fino a 75 anni con tumore alla prostata a rischio medio-alto e un WHO performance status compreso tra 0 e 2.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ultra-ipofrazionamento ( 42.7 Gy in 7 frazioni, 3 giorni alla settimana per 2.5 settimane ) o a radioterapia frazionata convenzionale ( 78.0 Gy in 39 frazioni, 5 giorni alla settimana per 8 settimane ).
Non è stata consentita nessuna terapia di deprivazione androgenica.

L'endpoint primario era il tempo al fallimento biochimico o clinico, analizzato nella popolazione per protocollo.
Il margine di non-inferiorità prespecificato è stato del 4% a 5 anni, corrispondente a un limite di hazard ratio ( HR ) critico di 1.338.
La tossicità registrata dal medico è stata misurata in base alla scala di morbilità RTOG ( Radiation Therapy Oncology Group ) e alle misurazioni degli esiti riportate dal paziente con il questionario PCSS ( Prostate Cancer Symptom Scale ).

Tra il 2005 e il 2015, 1.200 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a frazionamento convenzionale ( n=602 ) o ultra-ipofrazionamento ( n=598 ), di cui 1.180 ( 591 frazionamento convenzionale e 589 ultra-ipofrazionamento ) costituivano la popolazione per protocollo.
1.054 ( 89% ) partecipanti erano a rischio intermedio e 126 ( 11% ) erano ad alto rischio.

Il tempo di follow-up mediano è stato di 5.0 anni.

La sopravvivenza stimata libera da insuccesso a 5 anni è stata dell'84% in entrambi i gruppi di trattamento, con un hazard ratio aggiustato di 1.002 ( log-rank P=0.99 ).

Vi è stata una debole evidenza di una maggiore frequenza di tossicità urinaria RTOG di grado 2 o peggiore riportata dal medico nel gruppo di ultra-ipofrazionamento alla fine della radioterapia ( 158 su 569 pazienti, 28%, vs 132 su 578 pazienti, 23%; P=0.057 ).

Non ci sono state differenze significative nella tossicità tardiva urinaria o intestinale di grado 2 o superiore tra i due gruppi di trattamento in qualsiasi momento dopo la radioterapia, ad eccezione di un aumento della tossicità urinaria nel gruppo di ultra-ipofrazionamento rispetto al gruppo di frazionamento convenzionale a 1 anno di follow-up ( 32 su 528 pazienti, 6%, vs 13 su 529 pazienti, 2%; P=0.0037 ).

Non sono state osservate differenze tra i gruppi nelle frequenze a 5 anni di tossicità urinaria RTOG di grado 2 o superiore ( 11 su 243 pazienti, 5%, per il gruppo di ultra-ipofrazionamento vs 12 su 249, 5%, per il gruppo di frazionamento convenzionale; P=1.00 ) e tossicità intestinale ( 3 su 244 pazienti, 1%, vs 9 su 249 pazienti, 4%; P=0.14 ).

Gli esiti riportati dai pazienti hanno rivelato livelli significativamente più alti di sintomi acuti urinari e intestinali nel gruppo di ultra-ipofrazionamento rispetto al gruppo di frazionamento convenzionale, ma non sono stati riscontrati aumenti significativi dei sintomi tardivi, ad eccezione di un aumento dei sintomi urinari al follow-up di 1 anno, coerentemente con la tossicità valutata dal medico.

La radioterapia ultra-ipofrazionata è non-inferiore alla radioterapia convenzionalmente frazionata per il tumore prostatico a rischio da intermedio ad alto per quanto riguarda la sopravvivenza libera da fallimento.
Gli effetti collaterali iniziali sono più pronunciati con l'ultra-ipofrazionamento rispetto al frazionamento convenzionale, mentre la tossicità tardiva è simile in entrambi i gruppi di trattamento.
I risultati hanno supportato l'uso dell'ultra-ipofrazionamento per la radioterapia del tumore prostatico. ( Xagena2019 )

Widmark A et al, Lancet 2019; 394: 385-395

Onco2019 Uro2019



Indietro

Altri articoli

Rubraca ( Rucaparib ) è il primo inibitore PARP approvato per l'uso in pazienti con carcinoma prostatico metastatico resistente alla...


Le statine da sole o in combinazione con Metformina, un farmaco antidiabetico, sono associate a una più bassa mortalità...


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha concesso l'approvazione accelerata a Rubraca ( Rucaparib ) per i pazienti...


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) migliora gli esiti di sopravvivenza nei pazienti con tumore alla prostata ad...


Dallo studio di fase 2 TOPARP-B, è emerso che Olaparib ( Lynparza ) ha dimostrato attività nei pazienti pesantemente...


La combinazione di Apalutamide ( Erleada ), Abiraterone acetato ( Zytiga ) e Docetaxel ha indotto un alto tasso di...


Lo studio di fase 3, ENZAMET, ha dimostrato che Enzalutamide ( Xtandi ) impiegato in combinazione con la terapia...


Il trattamento con Darolutamide ha prolungato la sopravvivenza libera da metastasi rispetto al placebo tra gli uomini con carcinoma alla...


La Food and Drug Administration ( FDA ) ha approvato Nubeqa ( Darolutamide ) per il carcinoma alla prostata resistente...