Incidenza ed implicazioni prognostiche dell’insufficienza renale acuta dopo intervento coronarico percutaneo


Nei pazienti sottoposti ad intervento coronarico percutaneo ( PCI ) può insorgere insufficienza renale acuta.
Un’analisi retrospettiva del Mayo Clinic Registry ha cercato di determinare l’incidenza, i fattori di rischio e le implicazioni prognostiche dell’insufficienza renale acuta, definita come un aumento della creatinina plasmatica superiore a 0,5 mg/dL rispetto al valore basale dopo PCI.
Dei 7.586 pazienti, 254 (3,3%) hanno presentato insufficienza renale acuta.
Tra i pazienti con livelli di creatinina plasmatica basale inferiore a 2, il rischio di insufficienza renale è risultato maggiore solo nei pazienti con diabete, mentre con valori superiori a 2 tutti i pazienti erano a rischio di insufficienza renale acuta.
All’analisi multivariata, l’insufficienza renale acuta era associata al valore basale della creatinina plasmatica, infarto miocardico acuto , shock e volume del mezzo di contrasto somministrato.
Il 22% dei pazienti con insufficienza renale acuta sono morti durante l’ospedalizzazione contro l’1,4% dei pazienti senza insufficienza renale acuta (p < 0,0001).
Tra coloro che hanno presentato insufficienza renale acuta e che sono sopravvissuti, la percentuale di mortalità ad 1 e a 5 anni è stata del 12,1% e del 44,6%, rispettivamente.
Questo valore è risultato superiore all’incidenza di mortalità del 3,7% e del 14,5% nei pazienti senza insufficienza renale acuta (p < 0.0001).
I pazienti con diabete e con livelli di creatinina plasmatica al basale inferiore di 2 mg/dL sono a più alto rischio rispetto ai pazienti senza diabete di insufficienza renale acuta.
Tutti i pazienti con creatinina superiore a 2 , senza distinzione tra quelli con diabete e quelli senza , sono ad alto rischio di insufficienza renale acuta.
L’insufficienza renale acuta è risultata strettamente correlata alla mortalità sia durante l’ospedalizzazione che dopo la dimissione. ( Xagena2002 )

Rihal CS et al, Circulation 2002; 105 : 2259-2264


Indietro

Altri articoli

La sindrome emolitico-uremica ( SEU ) è una malattia acuta rara, che rappresenta, tuttavia, la causa più importante di insufficienza...


È stata quantificata l'associazione tra insufficienza renale acuta e uso di statine ad alta potenza rispetto alle statine a bassa...


Sono stati descritti casi di insufficienza renale acuta e di insufficienza renale causati dal farmaco antiaritmico Dronedarone ( Multaq ).I...


L’obiettivo dello studio è stato quello di determinare la relazione tra pressione sanguigna sistolica basale, variazione della pressione sistolica, e...


L’AIFA ha emesso raccomandazioni sul corretto utilizzo di Metformina.La Metformina, principio attivo con azione euglicemizzante, trova indicazione nel trattamento del...


Il peggioramento e il miglioramento della funzione renale durante il trattamento dell'insufficienza cardiaca scompensata sono stati tradizionalmente considerati eventi emodinamicamente...


Uno studio ha valutato l'efficacia della terapia di associazione composta da Bortezomib ( Velcade ), Doxorubicina e Desametasone in pazienti...


Ricercatori dell’Hospital for Sick Children a Toronto in Canada, hanno determinato l’outcome ( esito ) nei pazienti pediatrici con lupus...


L’insufficienza renale acuta che richiede supporto dialitico è associata ad un alto rischio di mortalità e morbidità.Ricercatori dell’University of Alberta,...


L’insufficienza renale acuta dopo intervento chirurgico maggiore è associata a significativa mortalità, che teoricamente può essere attenuata dalla N-Acetilcisteina (...