L’insufficienza renale acuta indotta da catene leggere può essere revertita da Bortezomib, Doxorubicina e Desametasone nel mieloma multiplo


Uno studio ha valutato l'efficacia della terapia di associazione composta da Bortezomib ( Velcade ), Doxorubicina e Desametasone in pazienti con mieloma multiplo e con insufficienza renale acuta indotta da catene leggere.

I 68 pazienti con insufficienza renale acuta indotta da catene leggere e velocità di filtrazione glomerulare ( GFR ) inferiore a 50 mL/min coinvolti nello studio hanno ricevuto Bortezomib ( 1.0 mg/m(2) ai giorni 1, 4, 8 e 11 ), Doxorubicina ( 9 mg/m(2) ai giorni 1 e 4 ) e Desametasone ( 40 mg ai giorni 1, 4, 8 e 11 ); se ben tollerata dopo 2 cicli, Bortezomib è stato aumentato a 1.3 mg/m(2) e Doxorubicina somministrata ai giorni 1, 4, 8 e 11.

Nell’analisi per intent-to-treat, una risposta del mieloma è stata ottenuta nel 72% dei 18 pazienti precedentemente trattati e dei 50 non precedentemente trattati ( risposta completa/risposta quasi completa, 38%; risposta parziale molto buona, 15%; risposta parziale 13%; risposta minore, 6% ).

La risposta renale è stata raggiunta nel 62% dei pazienti ( risposta renale completa, 31%; risposta renale parziale, 7%; risposta renale minima, 24% ).

La velocità di filtrazione glomerulare è aumentata da 20.5 a 48.4 mL/min e questo miglioramento è risultato correlato alla risposta tumorale; il maggior aumento a 59.6 mL/min è stato osservato nel gruppo di pazienti con risposta completa/risposta quasi completa/risposta parziale molto buona.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 12.1 mesi e i tassi di sopravvivenza a 1 e 2 anni sono stati, rispettivamente, pari a 72% e 58%.

La sopravvivenza non ha mostrato differenze tra i pazienti con e senza risposta renale, ma è risultata inferiore nei pazienti già trattati in precedenza ( P minore di 0.001 ).

Nell'analisi multivariata, la velocità di filtrazione glomerulare basale e la risposta tumorale sono risultate correlate con la risposta renale e lo status pre-trattamento, la lattato deidrogenasi e la risposta del mieloma con la sopravvivenza.

Le tossicità di grado 3 o 4 più comuni sono state: infezioni ( 19.1% ), trombocitopenia ( 14.7% ), neutropenia ( 14.7% ), fatigue/debolezza ( 10.3% ) e polineuropatia ( 8.8% ).

In conclusione, il trattamento con l’associazione Bortezomib, Doxorubicina e Desametasone ha indotto un alto tasso di risposte sia a livello del mieloma sia renali, e il trattamento è risultato ben tollerato. ( Xagena2010 )

Ludwig H et al, J Clin Oncol 2010; 28: 4635-4641



Emo2010 Farma2010 Onco2010 Nefro2010





Indietro

Altri articoli

La sindrome emolitico-uremica ( SEU ) è una malattia acuta rara, che rappresenta, tuttavia, la causa più importante di insufficienza...


È stata quantificata l'associazione tra insufficienza renale acuta e uso di statine ad alta potenza rispetto alle statine a bassa...


Sono stati descritti casi di insufficienza renale acuta e di insufficienza renale causati dal farmaco antiaritmico Dronedarone ( Multaq ).I...


L’obiettivo dello studio è stato quello di determinare la relazione tra pressione sanguigna sistolica basale, variazione della pressione sistolica, e...


L’AIFA ha emesso raccomandazioni sul corretto utilizzo di Metformina.La Metformina, principio attivo con azione euglicemizzante, trova indicazione nel trattamento del...


Il peggioramento e il miglioramento della funzione renale durante il trattamento dell'insufficienza cardiaca scompensata sono stati tradizionalmente considerati eventi emodinamicamente...


Ricercatori dell’Hospital for Sick Children a Toronto in Canada, hanno determinato l’outcome ( esito ) nei pazienti pediatrici con lupus...


L’insufficienza renale acuta che richiede supporto dialitico è associata ad un alto rischio di mortalità e morbidità.Ricercatori dell’University of Alberta,...


L’insufficienza renale acuta dopo intervento chirurgico maggiore è associata a significativa mortalità, che teoricamente può essere attenuata dalla N-Acetilcisteina (...