Trattamento della insufficienza cardiaca acuta scompensata: miglioramento o peggioramento della funzione renale


Il peggioramento e il miglioramento della funzione renale durante il trattamento dell'insufficienza cardiaca scompensata sono stati tradizionalmente considerati eventi emodinamicamente distinti.
Si è ipotizzato che se le misurazioni dell’arteria polmonare derivate da catetere sono rilevanti nella valutazione delle interazioni cardiorenali, il confronto tra pazienti con miglioramento o peggioramento della funzione renale dovrebbe evidenziare eventuali importanti differenze emodinamiche.

Sono stati inclusi tutti i soggetti nella bancadati dello studio di valutazione dell’insufficienza cardiaca congestizia e dell’efficacia del cateterismo dell'arteria polmonare con i valori, disponibili, di creatinina al ricovero e alla dimissione ( n=401 ).

Non sono state riscontrate differenze al basale, alla fine, o cambiamenti nelle variabili emodinamiche dell’arteria polmonare derivate da catetere, nell’uso di vasodilatatori inotropi ed endovenosi, o nella sopravvivenza tra pazienti con miglioramento della funzione renale rispetto a quelli con peggioramento ( p=NS per tutti ).

Entrambi i gruppi avevano la stessa probabilità di essere nel quartile inferiore di indice cardiaco ( p=0.32 ), di avere un miglioramento del 25% dell'indice cardiaco ( p=0.97 ), o di avere qualsiasi peggioramento dell'indice cardiaco ( p=0.90 ).

Quando i pazienti con eventuali cambiamenti significativi della funzionalità renale ( positiva o negativa ) sono stati confrontati con quelli con funzione renale stabile, si sono riscontrate forti associazioni tra variabili, come ad esempio un indice cardiaco ridotto ( odds ratio, OR=2.2, p=0.02 ), un aumento dell'uso di vasodilatatori inotropi per via endovenosa ( OR=2.9, p inferiore a 0.001 ), e un peggioramento della mortalità per tutte le cause ( hazard ratio, HR=1.8, p=0.01 ).

A differenza di quanto tradizionalmente ritenuto, i pazienti con miglioramento e quelli con peggioramento della funzionalità renale hanno avuto parametri emodinamici e risultati simili.
La combinazione di questi gruppi ha individuato una popolazione emodinamicamente compromessa con sopravvivenza significativamente peggiore rispetto ai pazienti con funzione renale stabile.

In conclusione, i cambiamenti nella funzione renale, indipendentemente dalla loro natura, probabilmente identificano una popolazione con uno stato di malattia avanzata e una prognosi infausta. ( Xagena2010 )

Testani JM et al, Am J Cardiol 2010; 106: 1763-1769


Cardio2010 Nefro2010



Indietro

Altri articoli

La sindrome emolitico-uremica ( SEU ) è una malattia acuta rara, che rappresenta, tuttavia, la causa più importante di insufficienza...


È stata quantificata l'associazione tra insufficienza renale acuta e uso di statine ad alta potenza rispetto alle statine a bassa...


Sono stati descritti casi di insufficienza renale acuta e di insufficienza renale causati dal farmaco antiaritmico Dronedarone ( Multaq ).I...


L’obiettivo dello studio è stato quello di determinare la relazione tra pressione sanguigna sistolica basale, variazione della pressione sistolica, e...


L’AIFA ha emesso raccomandazioni sul corretto utilizzo di Metformina.La Metformina, principio attivo con azione euglicemizzante, trova indicazione nel trattamento del...


Uno studio ha valutato l'efficacia della terapia di associazione composta da Bortezomib ( Velcade ), Doxorubicina e Desametasone in pazienti...


Ricercatori dell’Hospital for Sick Children a Toronto in Canada, hanno determinato l’outcome ( esito ) nei pazienti pediatrici con lupus...


L’insufficienza renale acuta che richiede supporto dialitico è associata ad un alto rischio di mortalità e morbidità.Ricercatori dell’University of Alberta,...


L’insufficienza renale acuta dopo intervento chirurgico maggiore è associata a significativa mortalità, che teoricamente può essere attenuata dalla N-Acetilcisteina (...