Uso di statine ad alta potenza e tassi di ricovero per insufficienza renale acuta


È stata quantificata l'associazione tra insufficienza renale acuta e uso di statine ad alta potenza rispetto alle statine a bassa potenza.

È stata effettuata una analisi osservazionale retrospettiva di database amministrativi, utilizzando 9 studi di coorte basati sulla popolazione e meta-analisi in 7 province canadesi e con due database nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Lo studio ha riguardato 2.067.639 pazienti di età a partire dai 40 anni e trattati di recente con le statine nel periodo 1997-2008.
Ogni persona ricoverata in ospedale per insufficienza renale acuta è stata abbinata con 10 controlli.

Un evento di somministrazione è stato considerato nuovo se non era stato prescritto nessun farmaco ipocolesterolemizzante o Niacina nel corso dell'anno precedente.
Un trattamento con statine ad alta potenza è stato definito come Rosuvastatina ( Crestor ) maggiore o uguale a 10 mg, Atorvastatina ( Lipitor ) maggiore o uguale a 20 mg e Simvastatina ( Zocor ) maggiore o uguale a 40 mg; tutti gli altri trattamenti con statine sono stati definiti a bassa potenza.
I gruppi di potenza delle statine sono stati ulteriormente suddivisi in coorti con o senza malattia renale cronica.

La principale misura di esito era rappresentata dai tassi di ospedalizzazione relativi all’insufficienza renale acuta.
Su oltre 2 milioni di utilizzatori di statine, 59.636 presentavano nefropatia cronica, mentre la coorte malattia renale non-cronica era costituita da 2.008.003 soggetti ).

Nell’arco di 120 giorni, durante il trattamento, ci sono stati 4.691 ricoveri per insufficienza renale acuta tra i pazienti danno renale non-cronico e 1.896 ricoveri tra i pazienti con insufficienza renale cronica.

Nei pazienti con malattia renale non-cronica, gli utilizzatori correnti di statine ad alta potenza hanno avuto il 34% in più di probabilità di essere ricoverati in ospedale con danno renale acuto entro 120 giorni dopo aver iniziato il trattamento ( rate ratio a effetti fissi, RR=1.34 ).

Gli utilizzatori di statine ad alta potenza con malattia renale cronica non hanno avuto un aumento così grande del tasso di ricovero ( RR=1.10 ).

Dallo studio è emerso che l'impiego di statine ad alta potenza è associato a un aumento del tasso di diagnosi di insufficienza renale acuta nei ricoveri ospedalieri rispetto alle statine a bassa potenza.
L'effetto sembra essere più forte nei primi 120 giorni dopo l'inizio del trattamento con statine. ( Xagena2013 )

Dormuth CR et al, BMJ 2013; 346: f880

Cardio2013 Nefro2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

La sindrome emolitico-uremica ( SEU ) è una malattia acuta rara, che rappresenta, tuttavia, la causa più importante di insufficienza...


Sono stati descritti casi di insufficienza renale acuta e di insufficienza renale causati dal farmaco antiaritmico Dronedarone ( Multaq ).I...


L’obiettivo dello studio è stato quello di determinare la relazione tra pressione sanguigna sistolica basale, variazione della pressione sistolica, e...


L’AIFA ha emesso raccomandazioni sul corretto utilizzo di Metformina.La Metformina, principio attivo con azione euglicemizzante, trova indicazione nel trattamento del...


Il peggioramento e il miglioramento della funzione renale durante il trattamento dell'insufficienza cardiaca scompensata sono stati tradizionalmente considerati eventi emodinamicamente...


Uno studio ha valutato l'efficacia della terapia di associazione composta da Bortezomib ( Velcade ), Doxorubicina e Desametasone in pazienti...


Ricercatori dell’Hospital for Sick Children a Toronto in Canada, hanno determinato l’outcome ( esito ) nei pazienti pediatrici con lupus...


L’insufficienza renale acuta che richiede supporto dialitico è associata ad un alto rischio di mortalità e morbidità.Ricercatori dell’University of Alberta,...


L’insufficienza renale acuta dopo intervento chirurgico maggiore è associata a significativa mortalità, che teoricamente può essere attenuata dalla N-Acetilcisteina (...