Acidi grassi polinsaturi Omega-3 nella prevenzione delle recidive di aritmia dopo cardioversione elettrica della fibrillazione atriale persistente cronica


La fibrillazione atriale persistente ricorre spesso dopo cardioversione elettrica DC-shock. Poichè numerosi studi sperimentali e clinici suggeriscono che gli acidi grassi polinsaturi n-3 ( PUFA ) possono avere proprietà antiaritmiche, anche a livello atriale, i cardiologi del San Filippo Neri di Roma hanno valutato se la supplementazione orale con Acidi grassi polinsaturi, in aggiunta ai tradizionali farmaci antiaritmici, sia in grado di ridurre il tasso di recidiva della aritmia dopo cardioversione elettrica della fibrillazione atriale persistente.

Un totale di 204 pazienti ( età media 69.3 anni, 33% donne ) con fibrillazione atriale persistente sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 3 g/die di PUFA fino al momento della cardioversione e successivamente 2 g/die ( n=104 ) oppure placebo ( n=100 ) per 6 mesi, iniziando almeno 1 settimana prima della cardioversione elettrica.

Il ritmo cardiaco è stato valutato sia mediante monitoraggio transtelefonico sia con visite cliniche.

L’endpoint primario era il tasso di recidiva di fibrillazione atriale.

Il ritmo sinusale è stato ripristinato, sia spontaneamente che dopo cardioversione elettrica, in 187 pazienti ( 91.7% ), 95 pazienti ( 91.4% ) su acidi grassi polinsaturi e 92 pazienti ( 92.0% ) nel gruppo placebo ( p=non significativo ).

Recidiva di fibrillazione atriale è stata osservata in 56 ( 58.9% ) pazienti nel braccio PUFA e in 47 ( 51.1% ) nel braccio placebo ( p=0.28 ).

Il tempo medio di recidiva di fibrillazione atriale è stato di 83 giorni nel gruppo PUFA e 106 giorni nel gruppo placebo ( p=0.29 ).

In conclusione, i nostri risultati non forniscono elementi a sostegno dell'ipotesi che, in pazienti sottoposti a cardioversione elettrica di fibrillazione atriale cronica persistente, la supplementazione con PUFA in aggiunta al normale trattamento antiaritmico riduce la fibrillazione atriale ricorrente. ( Xagena2011 )

Bianconi L et al, EuroPACE 2011; 13: 174-181


Cardio2011 Farma2011


Indietro

Altri articoli

Una meta-analisi ha mostrato che l'uso di antibiotici macrolidi può essere associato a un leggero aumento del rischio di morte...


Uno studio elettrofisiologico ( EPS ) negativo può delineare un sottogruppo di pazienti con grave compromissione della frazione di eiezione...


L'effetto del trattamento con statine sulle complicanze aritmiche ventricolari è incerto. Si è cercato di verificare se le statine riducono...


Ricercatori dell’University of Adelaide in Australia hanno esaminato la relazione tra grasso pericardico e fibrillazione striale.L'obesità rappresenta infatti un importante...


Dopo l'ablazione, il volume di grasso del pericardio è risultato correlato alla presenza e alla gravità della fibrillazione atriale, così...


Il peptide natriuretico di tipo B ( BNP ) plasmatico risulta elevato in modo anomalo nei pazienti con fibrillazione atriale...


Uno studio si è posto l’obiettivo di determinare gli esiti a lungo termine dello sviluppo neurologico nei feti con grave...


Il significato prognostico nel lungo periodo della tachicardia ventricolare sostenuta ( TVS ) o della fibrillazione ventricolare ( FV ),...


La tempesta aritmica o l’aritmia ventricolare ripetitiva è stata occasionalmente osservata nella sindrome di Brugada. E’ stato riportato che uno...